4 Dicembre 2022, domenica
Home News Protesta di piazza a Napoli: "L’acqua è un diritto e non...

Protesta di piazza a Napoli: “L’acqua è un diritto e non una merce”

a cura di Luigi Rubino

L’ acqua è un diritto, non una merce” recita uno striscione esposto ai cancelli della Stazione Marittima di Napoli da alcuni manifestanti  a difesa dell’acqua come bene pubblico, mentre all’interno della struttura  si svolge il Simposio internazionale sulla gestione delle risorse idriche  nel Mediterraneo con i rappresentanti di Spagna, Turchia,  Grecia, Marocco e Tunisia.

Alla protesta presenti il “Comitato dell’acqua pubblica di Napoli,” i gruppi di “Potere al Popolo,” “Rifondazione Comunista”, “Cobas” e tanti cittadini tra i quali il padre missionario comboniano Alex  Zanotelli,( fondatore di diversi movimenti di giustizia, pace e solidarietà) Enzo Ruggiero, esponente del Comitato campano per la gestione dell’acqua pubblica e Stefania Fanelli, ex consigliere comunale. Il piccolo corteo appena arrivato all’ingresso della struttura  è  fermato da un cordone di poliziotti, che impedisce loro di assistere al Simposio.

Solo dopo, una lungo dialogo,  una delegazione  ottiene il permesso di  incontrare a fine convegno, il vice presidente della Regione Campania, Fulvio Bonavitacola.

L’acqua  è un bene comune e come tale spetta a tutti e non può essere privatizzata ed essere fonte di profitto per le multinazionali. “ Le istituzioni – ci dice Ruggiero, esponente del Comitato campano  per la gestione dell’acqua pubblica  – non possono ignorare la volontà popolare scaturita dal referendum sull’acqua come bene pubblico nel 2011.  Non è possibile che al Convegno internazionale sull’acqua in cui sono presenti diversi stati stranieri ed esponenti dell’Ente  regionale deputata al governo delle risorse idriche, l’Ente Idrico Campano) e i principali fautori della privatizzazione, sia a lvello nazionale (Suez Italia) che a livello regionale ( G.O.R.I Spa) non ci sia il principale referente cioè l’ ABC , ( Azienda speciale Acqua Bene Comune) vicina alla realtà referendaria.”

Quindi, cosa chiedete alle Istituzioni?

Cambiare soprattutto politica, assumendo come soggetti principali delle decisioni i cittadini, per il bene comune come l’acqua, non prestando attenzione ai soggetti privati, ma all’intera collettività.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Oroscopo per oggi domenica 4 dicembre 2022

Ariete (21 marzo-19 aprile) I nativi del segno zodiacale dei Pesci sono forti e laboriosi. Le stelle dicono che...

Un villaggio per le feste natalizie stile hollywoodiano

A cura di Luigi Rubino ed Antonio Formisano “Christmas Village” alla Mostra d’Oltremare.  Un villaggio per le feste natalizie  stile hollywoodiano

Mondiali di calcio. Quante sorprese. Ed oggi partono gli ottavi di finale

Luigi Rubino ed Antonio Formisano Completata la fase a gironi dei Mondiali di calcio in Qatar, subito partono gli...

Maltrattamenti agli anziani, una piaga invisibile

A cura di: Di Mambro Dolores, Docente e Pedagogista Abbandono, negligenza, dispetti, truffe finanziarie, maltrattamenti fisici e psicologici a...

Commenti recenti