30 Giugno 2022, giovedì
Home Salute Vitamina D: aumenta la produzione di serotonina e allunga la vita

Vitamina D: aumenta la produzione di serotonina e allunga la vita

A cura di Ionela Polinciuc

Alcune ricerche hanno scoperto che la vitamina D è efficace anche nel garantire un migliore invecchiamento, oltre che è la vitamina fondamentale per il benessere del nostro organismo.La vitamina D può contribuire a stimolare la produzione di ormoni tra cui il testosterone e il progesterone, ed è stato dimostrato che può aumentare la fertilità negli uomini e nelle donne. La vitamina D è anche associata alla qualità dello sperma negli uomini e può migliorare la frequenza mestruale nelle donne con sindrome dell’ovaio policistico.In studi di laboratorio la vitamina D ha dimostrato di svolgere attività potenzialmente in grado di prevenire o rallentare lo sviluppo del cancro: infatti frena la crescita delle cellule, ne favorisce la differenziazione e la morte programmata (apoptosi), e riduce la formazione di nuovi vasi (angiogenesi).I risultati dei primi studi epidemiologici avevano suggerito un ruolo protettivo della vitamina D, in seguito all’osservazione di un minor rischio di tumori diversi da quelli della pelle nelle popolazioni più esposte al sole rispetto a quelle che vivono in Paesi con minore irradiazione solare. Ricerche successive, però, che hanno indagato direttamente i livelli di vitamina D del sangue, hanno fornito risultati incerti.La vitamina D è un potente modulatore immunitario, rendendola molto importante per la prevenzione di malattie autoimmuni, come la sclerosi multipla e l’infiammazione intestinale che è alla radice della maggior parte dei disturbi autoimmuni. Il Dr. Holick spiega a riguardo: “I recettori della vitamina D sono presenti nei linfociti T e B attivati e nei macrofagi attivati. Le malattie autoimmuni più comuni, tra cui il diabete di tipo 1, l’artrite reumatoide e la sclerosi multipla, sono state tutte prevenute con successo in modelli che utilizzavano topi inclini a queste malattie se ricevevano 1,25 (OH)2D3 (NdR: ovvero un’integrazione di vitamina D) all’inizio della vita.” [6].Effetto antidepressivo. La vitamina D è capace di aumentare la produzione di serotonina, un neurotrasmettitore che produce una sensazione di benessere. Avere livelli salutari di questo pro-ormone aiuta anche ad aumentare il testosterone, migliora la qualità del sonno e si abbassa il livello di stress.Migliora la salute cardiovascolare. La vitamina del sole è necessaria per metabolizzare il colesterolo e ad abbassare l’infiammazione che evita che si attacchi alle arterie. Inoltre sembra avere un ruolo nel migliorare la pressione sanguigna in soggetti ipertesi.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Fabio Turin – Buona Vita Social Club ” I libri sono un nutrimento, una chiave per la libertà interiore”

A cura di Ionela Polinciuc Essere uno scrittore esordiente è sempre difficile, la tua opera, per la quale hai...

Berrettini è stato un eroe o un campione troppo prudente?

Per qualcuno è “un eroe”, un generoso altruista come pochi al mondo. Per altri un tennista che ha avuto paura di rischiare...

Tensione nel governo, Draghi rientra a Roma: oggi Cdm sulle bollette

Il presidente del Consiglio Mario Draghi lascia in anticipo il vertice Nato di Madrid e rientra a Roma con un giorno di...

Superbonus 110%, al via indagine su cessione crediti banche

Da Commissione parlamentare di inchiesta un questionario per verificare l’operatività del sistema bancario. L'Ufficio di presidenza della Commissione parlamentare...

Commenti recenti