24 Luglio 2021, sabato
Home Italia Economia Raggiunta l'intesa sui licenziamenti

Raggiunta l’intesa sui licenziamenti

Un avviso comune in cui le parti si impegnano a raccomandare l’utilizzo degli ammortizzatori sociali in alternativa ai licenziamenti

L’avviso comune è firmato dal presidente del Consiglio Mario Draghi, dal ministro del Lavoro Andrea Orlando, da Cgil, Cisl, Uil, Confindustria, Alleanza delle Cooperative, Confapi.

Il blocco dei licenziamenti resterà ancora solo per l’industria tessile, della moda e il settore calzaturiero. Previste le 13 settimane di cassa integrazione gratuita per tutte le aziende che hanno tavoli di crisi aziendali aperti al ministero dello Sviluppo economico, nelle Regioni e nelle Prefetture: niente licenziamenti se non dopo aver consumato la nuova dotazione.

Il blocco non viene quindi prorogato ma i sindacati parlano di un ottimo risultato frutto della mobilitazione. 

Per il leader Cgil Maurizio Landini ha vinto l’unità delle organizzazioni sindacali e la mobilitazione; per il segretario generale Cisl Luigi Sbarra è stato conseguito un ottimo e importante risultato, frutto di una intensa fase di mobilitazione, culminata sabato scorso nelle tre manifestazioni sindacali. Per Bombardieri è stato compiuto un passo in avanti nella direzione del rispetto delle persone e del lavoro.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Green pass tra gioie e dolori: l’economia, forse, riparte

Con l'indice Rt che schizza a 1,26 l'approvazione del green pass è l'àncora di salvezza per numerose attività che hanno sofferto la...

Comunicato stampa: Premio Castello Sotto Le Stelle 2021

Aci Castello. Grande attesa per il Premio Castello Sotto Le Stelle 2021, in programma giovedì 22 luglio alle...

Tokyo: Buongiorno Italia; via alle gare, Malagò parla al Cio

A due giorni dalla cerimonia inaugurale, Tokyo 2020 è già partita con il prologo delle sue gare e a dare il via...

Letta tira dritto sul ddl Zan e il Pd fa muro contro gli attacchi di Renzi

Dalla giustizia al ddl Zan, Matteo Renzi ha ormai messo nel mirino il Partito Democratico e il suo segretario, Enrico Letta.

Commenti recenti