24 Luglio 2021, sabato
Home Italia Cronaca 2020: nascite diminuite del 3,8%

2020: nascite diminuite del 3,8%

Nel 2020, stando dalle analisi, purtroppo si è registrato un calo delle nascite, rispetto al 2019 sono diminuite del 3,8%. Dall’anagrafe, sono oltre 400 mila bambini a essere scritti. Al contrario purtroppo, sono aumentati i decessi del 17,6% (circa 107 mila persone).  Lo ha rilevato l’Istat affermando: ‘’La dinamica demografica durante la pandemia Covid-19 – anno 2020″. Purtroppo si legge: “Alle conseguenze dirette del virus dovute ai decessi si sono aggiunte le ripercussioni che le misure, volte a contenere la diffusione dei contagi, hanno prodotto sulla vita delle persone ‘’.

Chi lo sa se invece quest’anno, nonostante il covid, la situazione sarà diversa. In realtà, il dato critico in Italia non è ‘niente’ in confronto alla Giappone, che ha registrato il -14.6%.L’ultimo dato basso si è registrato nel 2000, mentre in Italia nel 2015. L’età media di una persona che partorisce è i 31 anni, e la cosa più bella e che ad aumentare sono i gemelli, lo riferisce le Università di Oxford e quella olandese di Radboud. Un altro crollo, purtroppo legato alla pandemia sono la ‘voglia’ di celebrare i matrimoni: -68,1% i matrimoni religiosi e -29% quelli con rito civile.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Green pass tra gioie e dolori: l’economia, forse, riparte

Con l'indice Rt che schizza a 1,26 l'approvazione del green pass è l'àncora di salvezza per numerose attività che hanno sofferto la...

Comunicato stampa: Premio Castello Sotto Le Stelle 2021

Aci Castello. Grande attesa per il Premio Castello Sotto Le Stelle 2021, in programma giovedì 22 luglio alle...

Tokyo: Buongiorno Italia; via alle gare, Malagò parla al Cio

A due giorni dalla cerimonia inaugurale, Tokyo 2020 è già partita con il prologo delle sue gare e a dare il via...

Letta tira dritto sul ddl Zan e il Pd fa muro contro gli attacchi di Renzi

Dalla giustizia al ddl Zan, Matteo Renzi ha ormai messo nel mirino il Partito Democratico e il suo segretario, Enrico Letta.

Commenti recenti