18 Gennaio 2022, martedì
Home Salute Pazienti anziani e farmaci sostitutivi: il 10% rischia il ricovero all'ospedale

Pazienti anziani e farmaci sostitutivi: il 10% rischia il ricovero all’ospedale

Nei pazienti anziani si calcola che circa il 10% dei ricoveri ospedalieri sia dovuto a effetti indesiderati dei farmaci. Il rischio di reazioni avverse aumenta in chi assume più farmaci: i vari medicinali possono interagire tra loro, fino ad arrivare a causare gravi effetti indesiderati. Gli anziani sono maggiormente esposti a questi rischi in quanto frequentamente assumono una poli farmacoterapia (generalmente intesa come la stabile assunzione di almeno cinque diversi farmaci). Per questo è da considerare a rischio di in appropriatezza ogni prescrizione di un nuovo farmaco rivolta a una persona anziana, che avvenga, senza che prima sia stata condotta un’attenta revisione della terapia farmacologica già in corso.

E’ cruciale che il medico revisioni regolarmente tutta la terapia del paziente anziano, a maggior ragione ogni qualvolta intenda prescrivergli un nuovo farmaco. Ed ancora, l’eventuale sospensione dei medicinali deve essere condotta in modo ponderato per non incorrere in ulteriori rischi. Poni sempre al medico, soprattutto al momento della prescrizione, domande a proposito dei farmaci: sulle diverse opzioni, sui pro e contro, sui possibili cambiamenti nella terapia, chiedendo se ci siano farmaci da aggiungere, sospendere o modificare e perché, quali molecole siano necessarie e perché come vadano assunte e per quanto tempo,  come controllarne gli effetti, sia voluti sia indesiderati, come debba avvenire il monitoraggio della terapia con eventuali esami e visite.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

UNA FANTASTICA CROCIERA PER UNA COPPIA INNAMORATA

“Con molto piacere mi presento ai lettori di questa prestigiosa rivista, sono Lidia De Maio, meglio conosciuta come la Sabrina Ferilli napoletana,...

Torna per il 2022 L’Asse Culturale Spoleto-L’Aquila

Il Menotti Art Festival Spoleto ha siglato un importante protocollo d'intesa per la cooperazione culturale tra Umbria ed Abruzzo con particolare riferimentoalla...

L’allarme dei presidi: “Il 50% delle classi è in dad”

"La nostra stima è del 50 % di classi in Dad. Aspettiamo ora la pubblicazione di dati ufficiali". Lo ha detto a Radio...

È calato nel 2021 il numero di auto vendute in Europa, ma l’Italia fa eccezione

Nuovo tonfo per le vendite di auto nuove in Europa, frenate dalla crisi pandemica e dalla carenza di chip, secondo i dati pubblicati...

Commenti recenti