26 Ottobre 2021, martedì
Home Consulente di Strada Quali detrazioni spettano al cittadino non residente?

Quali detrazioni spettano al cittadino non residente?

La fruizione delle detrazioni d’imposta da parte di soggetti fiscalmente non residenti in Italia è  regolata dall’articolo 1, comma 954, lett. c), della legge 208/2015). Si tratta di contribuenti che, pur essendo fiscalmente residenti in un altro stato, producono o ricavano la gran parte del loro reddito in Italia e pertanto possono accedere alle agevolazioni d’imposta previste per i residenti, a determinate condizioni.Non residenti Schumacker
Come noto, si tratta dei cosiddetti non residenti Schumacker, che dal 2015 – a seguito di una procedura d’infrazione avviata nei confronti dell’Italia in violazione dell’articolo 7 del disegno di legge europeo 2013-bis, con conseguente recepimento normativo – possono godere di alcune deduzioni e detrazioni fiscali a patto che producano nel territorio nazionale almeno il 75% dei propri redditi e che non godano di agevolazioni analoghe nello Stato di residenza.

Le persone fisiche fiscalmente non residenti nel territorio dello Stato sono soggetti passivi IRPEF e il relativo reddito
complessivo è formato soltanto dai redditi prodotti nel territorio dello Stato secondo i criteri forniti dall’articolo 23 del TUIR. Il comma 3 del successivo articolo 24, indica poi le detrazioni che possono essere scomputate dall’imposta lorda dovuta dai soggetti non residenti, tra le quali non rientrano le detrazioni per carichi di famiglia (es.: figli a carico).

La risposta fornita il 9 luglio 2020 dall’Agenzia delle Entrate in risposta a specifico interpello, chiarisce alcuni aspetti chiave sulle detrazioni IRPEF per figli a carico (articolo 12 del TUIR). L’Agenzia delle Entrate specifica che, per godere di tutte quante le detrazioni fiscali che spettano ai residenti italiani, in deroga a quanto sopra e in base alla legge che regolamenta il regime dei non residenti Schumacker (legge 208/2015) è necessario che il soggetto abbia residenza in uno Statocon il quale è assicurato un adeguato scambio di informazioni. In pratica, per portare in detrazione le spese per i figli o la famiglia a carico, bisogna dimostrare di rientrare nel regime dei non residenti Shumacker  (comma 3-bis dell’articolo 24 del TUIR), ossia di possedere tutti e tre i requisiti del caso: reddito in Italia per almeno il 75%; non fruizione di analoghe agevolazioni nello stato di residenza fiscale; residenza in uno stato che garantisca adeguato scambio di informazioni fiscali.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

L’Artista Adriano Sambri nominato Accademico dell’Arte a Spoleto

L'artista aretino Adriano Sambri è stato nominato, onoris causa, Accademico in Arte nella città di Spoleto con cerimonia avvenuta nei giorni scorsi...

Pensioni, vertice Draghi-sindacati. Pressing della Lega

Ieri Salvini dal premier: Carroccio al lavoro per no a ritorno Fornero. Manovra di bilancio 2022. Il premier, Mario...

Come nasce il Fascicolo sanitario elettronico, quali sono punti forti e punti deboli?

«Il mio punto di vista è quello di medico clinico. Il FSE nasce primariamente per rispondere aesigenze amministrative, e solo in seconda battuta per essere...

Un caprino vaccino

«Ieri ho chiesto un "formaggio caprino" per mia moglie, che mal sopporta il latte vaccino, ma leggendo poi l'etichetta ho scoperto che...

Commenti recenti