7 Marzo 2021, domenica
Home Italia Cronaca Rita Bernardini in prima linea per l'emergenza Covid nelle carceri

Rita Bernardini in prima linea per l’emergenza Covid nelle carceri

Riesplode, come previsto, l’emergenza Covid 19 nelle carceri. In realtà non è mai finita, il sovraffollamento persiste e c’è difficoltà nell’isolare i detenuti positivi. La gestione sanitaria all’interno dei penitenziari si fa sempre più ardua, e a rimetterci sono quei detenuti che hanno gravi patologie pregresse.

Il tutto mentre il governo rimane inerme, accontentandosi delle insufficienti misure deflattive del decreto Ristori di recente convertito in legge. P

Rita Bernardini, membro del Consiglio Generale del Partito Radicale, è in continuo fermento con manifestazioni che riportino attenzioni alla drammatica situazione carceraria. A Rebibbia sono 60 i detenuti positivi al Covid – La situazione, com’è detto, è grave. Abbiamo l’esempio del carcere romano di Rebibbia Nuovo Complesso che ha raggiunto ben 60 detenuti positivi al Covid. In sostanza sta accadendo che mentre fortunatamente si sono negativizzati i detenuti infettati precedentemente, nel contempo si positivizzano altri. Situazioni che possono avvenire nei luoghi chiusi e affollati.

Interviene anche il Garante regionale e coordinatore dei garanti territoriali Stefano Anastasìa, osservando che tutto questo c non avrà fine se non quando si provvederà a vaccinare l’intera comunità penitenziaria, dai poliziotti che operano quotidianamente nelle sezioni ai detenuti che ci vivono.

A Rebibbia c’è un detenuto paraplegico, invalido al 100% e senza mezzo polmone – In tutto questo dramma, se n’è aggiunge un altro che riguarda sempre Rebibbia, dove c’è un detenuto del’79 paraplegico, invalido al 100 percento e senza mezzo polmone. Malattia gravissima, per la quale è stata fatta istanza per chiedere un differimento pena. Soprattutto per l’emergenza Covid in corso, con le varianti del virus che potrebbero risultare letali per chi ha patologie pregresse. L’uomo è uno di quelli. A seguirlo, così come tanti altri detenuti con patologie, è la garante locale Gabriella Stramaccioni. L’istanza è stata rigettata quest’estate. Per la magistratura di sorveglianza può essere benissimo monitorato in carcere. Tre giorni fa, purtroppo, la garante ha appreso che l’uomo è risultato positivo.

Ma la Garante stessa si auspica che facciano una nuova richiesta per il differimento pena. Uno nelle sue condizioni, d’altronde, non può essere esposto a questi pericoli. Stramaccioni, che visita quotidianamente le carceri romane, ha rilevato che a Rebibbia si è instaurata la calma grazie all’intervento degli agenti penitenziari che si sono organizzati per far permettere ai detenuti (postivi e non) di effettuare, in sicurezza, un totale di ben 250 chiamate e videochiamate per mettersi in contatto con i famigliari.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Quali obblighi per la conservazione dei libri e fatture ?

In riferimento alle fatture, il servizio webdi conservazione sostitutiva fornito dall’Agenzia delle Entrate garantisce a tutti gli effetti il rispetto del dettato...

‘Lo chiamavano Teatro’, un corto realizzato per la chiusura del settore

Ad un anno dalla chiusura dei teatri italiani è stato realizzato un corto "Lo chiamavano Teatro", scritto da Luca Basile, diretto da...

Sanremo, si conclude con il trionfo dei Maneskin il Festival degli scontenti

a cura di Maria Parente La 71^ edizione del Festival di Sanremo si conclude con un ascolto medio di...

Btp green da 8,5 miliardi: luci e ombre delle prime obbligazioni verdi

Il collocamento del primo Btp green della storia italiana si è chiuso al prezzo di 99,168 per titolo, corrispondente a un rendimento lordo annuo...

Commenti recenti