5 Agosto 2021, giovedì
Home Consulente di Strada Centri antiviolenza, con la burocrazia, i fondi sono a rilento

Centri antiviolenza, con la burocrazia, i fondi sono a rilento

Inutile parlarne solo il 25 novembre, ricorrenza della giornata contro la violenza sulle donne. L’emergenza è conclamata da anni e le risorse per fronteggiarla sono insufficienti. A denunciarlo è l’analisi di ActionAid. Nel periodo 2015/2020 i finanziamenti statali e regionali sono cresciuti progressivamente. In base al Piano strategico nazionale sulla violenza maschile contro le donne, 57.7 milioni sono destinati alle strutture di accoglienza. Il problema è la loro distribuzione è rimasta imbrigliata nelle maglie della burocrazia: la prima tranche ha raggiunto i destinati in media dopo un anno e mezzo rispetto allo stanziamento. Questi fondi sono rallentati, oltre che dalla burocrazia, anche da un discontinuo impegno istituzionale. Questo significa, dicono da ActionAid, che i centri antiviolenza e le case rifugio sono spesso in affanno. Una situazipne che l’emergenza sanitaria ha solo potuto peggiorare.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Bce: ripresa più forte, tornano investimenti in Ue

L'economia dell'area dell'euro, dopo il recupero nel secondo trimestre, grazie all'allentamento delle restrizioni e al ritmo sempre più forte delle vaccinazioni "procede...

Covid :Rush finale su green pass e scuola. Figliuolo scrive alle Regioni

Rush finale per le norme sul green pass e il piano scuola. Oggi sono in programma alle 11.30 la cabina di regia...

ll lavoratore può rifiutare il licenziamento?

Dal punto di vista sostanziale, il lavoratore non può rifiutare il licenziamento posto che si tratta di un atto unilaterale che il datore di...

Cina: il Covid ritorna a Wuhan, individuati 7 casi

Il Covid-19 ritorna a Wuhan dopo mesi di assenza: sette lavoratori migranti sono risultati positivi ai test e sono stati inviati agli...

Commenti recenti