23 Aprile 2021, venerdì
Home L'Opinione La pace sul filo del rasoio: la protesta di Washington è solo...

La pace sul filo del rasoio: la protesta di Washington è solo la miccia

a cura di Maria Parente

Il dramma che caratterizza i disordini nella città di Washington fa eco all’interno di ogni comunità internazionale: i governi di ogni Stato si sono fermati ad osservare imperterriti, e con un certo timore, l’evolversi della rabbia di una folta schiera di elettori trumpiani che hanno preso d’assalto Capitol Hill, sede del Governo degli Stati Uniti che ospita l’edificio del Campidoglio, il Senato, la Camera dei rappresentanti e la Corte Suprema. Donald Trump, Presidente uscente, non ha accettato di buon grado la sconfitta sostenendo la trama di brogli elettorali e per cui non si sarebbe arreso sic et simpliciter. Ed i suoi sostenitori non perdono tempo a dare seguito alle intenzioni: guidati da Jake Angeli, un sostenitore di QAnon, il cui volto è stato un appuntamento fisso nelle manifestazioni politiche di destra dell’Arizona durante l’ultimo anno, la sede del Campidoglio è stata letteralmente presa d’assalto creando panico, prendendo in ostaggio i presenti, e conclusasi con la morte di quattro persone, inclusa una donna uccisa dalla polizia. Un malumore fervente cresciuto a dismisura in breve tempo e placatosi con l’intervento forzoso della Capitol Police ma , per qualche minuto, si è temuto il peggio: le immagini condivise dalla stampa sul web raccontano di un’atmosfera preoccupante , insolita e certamente non da mamma America, in cui le rivolte sono frequenti per ragioni di matrice socio-razziale ma raramente e non di una simile portata, attentando lo Stato. Abbiamo temuto, ammettiamolo. Una miccia che potrebbe placarsi definitivamente o proseguire silente e sfociare qualcosa di più significativo. Il clima, la tensione massiccia, gli umori popolari, non sono per nulla rassicuranti. Trump urla di non volere violenza ma i suoi discorsi chiaramente lasciano intendere di non digerire questa sconfitta “illecita” ed anche se apparentemente vuole comunicare l’opposto, i suoi intenti sembrano andare ben oltre: l’accettazione della sconfitta e la rassegnazione a lasciare la carica navigano su due livelli differenti questa è la verità che si percepisce dal suo stato d’animo, amareggiato e rivoltoso, in un periodo storico in cui ogni sentimento è amplificato ed ogni parola, soprattutto se pronunciata dal Presidente, potrebbe essere interpretata con esasperazione e rivelare al mondo intero il peggiore degli incubi.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Dap: rimozione del medico che ha lanciato l’allarme sanitario per 220 detenuti

a cura di Tiziana Demma estratto da IL DUBBIO Il Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria ha chiesto la rimozione di  Choroma Faissal,  il responsabile...

Recovery: bozza da 191,5 mld, 57 al Green, 42 al digitale

Il Piano nazionale di ripresa e resilienza ammonta complessivamente a 221,5 miliardi, di cui 191,5 riferibili al Recovery fund e 30 miliardi...

Il dem Romano a Raggi: “Vergogna, non riesco a seppellire mio figlio”

Il deputato Pd rivolto alla sindaca di Roma a 2 mesi dalla scomparsa del figlio: "Oggi sono 2 mesi...

Covid: varato il nuovo decreto, in CdM scontro sul coprifuoco

Il Consiglio dei ministri chiamato a dare il via libera al decreto per le riaperture dal 26 aprile è terminato.

Commenti recenti