23 Aprile 2021, venerdì
Home Italia Politica Vaccini somministrati a rilento: Italia in panne, Lombardia in primis

Vaccini somministrati a rilento: Italia in panne, Lombardia in primis

Nella giornata del 27 dicembre in Italia è stata iniettata la prima dose di vaccino anti-Covid, ma a distanza di una settimana, delle 479.700 dosi attualmente a disposizione, sono state iniettate solo 122.528 . Nonostante la lentezza della campagna vaccinale che sta percorrendo tutta l’Europa l’Italia non si piazza neanche male, ottenendo un secondo posto in tutta l’Ue.

A preoccupare è soprattutto la Lombardia, che attualmente raggiunge un 5% di vaccinazioni e che, nonostante la criticità della situazione Covid nella regione, non sembra stare al passo con le vaccinazioni. Secondo Gallera la “colpa” sarebbe da imputare al personale medico in ferie:“Abbiamo medici e infermieri che hanno 50 giorni di ferie arretrate, non li faccio rientrare in servizio per un vaccino”.

A ritmi più spediti invece , in Italia, c’è la Puglia: sono salite a 6.802 le somministrazioni di vaccino anti Covid in Puglia, secondo l’ultimo dato del ministero della Salute, aggiornato all’una della notte scorsa. C’è stata, quindi, un’altra accelerazione considerando che ieri alle 13 erano 4.727 i vaccini inoculati agli operatori sanitari. Il 26,3% delle dosi consegnate alla Puglia, pari a 25.855,

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Dap: rimozione del medico che ha lanciato l’allarme sanitario per 220 detenuti

a cura di Tiziana Demma estratto da IL DUBBIO Il Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria ha chiesto la rimozione di  Choroma Faissal,  il responsabile...

Recovery: bozza da 191,5 mld, 57 al Green, 42 al digitale

Il Piano nazionale di ripresa e resilienza ammonta complessivamente a 221,5 miliardi, di cui 191,5 riferibili al Recovery fund e 30 miliardi...

Il dem Romano a Raggi: “Vergogna, non riesco a seppellire mio figlio”

Il deputato Pd rivolto alla sindaca di Roma a 2 mesi dalla scomparsa del figlio: "Oggi sono 2 mesi...

Covid: varato il nuovo decreto, in CdM scontro sul coprifuoco

Il Consiglio dei ministri chiamato a dare il via libera al decreto per le riaperture dal 26 aprile è terminato.

Commenti recenti