Pace storica tra Israele e gli Emirati: la rinuncia di Netanyahu

«È una giornata storica», twitta Trump ripreso dall’amico Netanyahu, aggiungendo che Israele concentrerà i propri sforzi per ampliare «i legami con altri Paesi nel mondo arabo e musulmano». Trump fa sfoggio dell’accordo di pace alla presenza dei suoi stretti collaboratori, tra cui il genero-consigliere Jared Kushner, l’architetto del piano di pace Usa per il Medio Oriente.

A ribadire l’importanza dell’intesa è il segretario di Stato Mike Pompeo: «Siamo fiduciosi che questo passo coraggioso sia il primo di una serie di accordi che mettano fine a 72 anni di ostilità nella regione».

La conferma del principe ereditario degli Emirati Mohammed Bin Zayad arriva anch’essa su Twitter: «Nel corso di una conversazione telefonica con il presidente Trump e il premier Netanyahu è stato raggiunto un accordo per fermare ulteriori annessioni di territorio palestinese. Gli Emirati e Israele hanno convenuto di cooperare e di stabilire una road map per l’istituzione di relazioni bilaterali».

La firma, secondo i media Usa, potrebbe avvenire nelle prossime settimane, prima comunque delle elezioni, per renderla un efficace strumento di campagna elettorale. Già nei prossimi giorni, intanto, le delegazioni dei due Paesi si incontreranno per firmare accordi bilaterali su numerose iniziative.

Written By
More from Redazione

Emilia Romagna, Caso Coronavirus: aumentano i contagi

E salgono a 74 i contagi ufficiali. Ma il bilancio è molto...
Read More