Animali in ufficio? Certo che si può, ecco l’iniziativa presa a Verona

Vi ricordate che tempo fa parlammo dei cani da portare in ufficio perché alleviano lo stress? E’ bene si questa iniziativa è stata presa anche in Italia a Verona. L’esperimento ‘’Smart pet working in office’’ è stato voluto dal rettore Pier Francesco Nocini. Saranno ammessi cani o gatti di piccola o media taglia. Non saranno esclusi quelli di taglia grande, ma bisognerà vedere il comportamento.

Nocini ha affermato:  “Avere accanto il proprio amico animale sembra che migliori notevolmente la performance lavorativa perché rende l’atmosfera più rilassata, stimola la creatività e agevola l’interazione tra i colleghi. Avendo molto a cuore il benessere dei dipendenti del nostro ateneo abbiamo ritenuto di portare avanti e accelerare questa iniziativa, anche per cercare di rendere più agevole il rientro post lockdown per quanti si trovano a gestire un distacco brusco con il proprio pet”.

L’accesso degli animali sarà negato in aule didattiche, sale conferenze e riunioni, spazi mensa, aree destinate al coffee break, sale studio, laboratori e sedi sanitarie, uffici  che prevedano un contatto con altre persone e i rispettivi ‘amici’.

Written By
More from Redazione

Sepolta viva una giovane incinta: nessun risarcimento alla famiglia

Nessun risarcimento sarà versato alla famiglia di Jennifer Zacconi, la 22enne incinta...
Read More