4 Marzo 2021, giovedì
Home Cultura & Spettacoli L'attore Vincenzo Casagrande è protagonista della commedia ''Mostri a parte''

L’attore Vincenzo Casagrande è protagonista della commedia ”Mostri a parte”

i “mostri a parte” di casagrande

giovedì 5 alla truffaut

Anche a Giffoni il regista, autore e attore 

analizza il freak show di oggi tra tv, cinema e teatro

«Per me che sono cresciuto con i mostri sacri questi sono i mostri o’ ver» dice Casagrande

Lo spettacolo è scritto insieme a Francesco Velonà. Con Casagrande in scena anche Fabio Balsamo, Tiziana De Giacomo, Nicola D’Ortona, Giovanna Rei, Marianna Liguori e Claudia Vetri

Giffoni Valle Piana, 3 marzo 2020 Uno spettacolo costruito sulla comicità di un tempo, quando i problemi si prendevano sul serio e si analizzavano con il filtro della risata. Tutto questo è “Mostri a parte” la denuncia ai meccanismi dello show business secondo Maurizio Casagrande in scena giovedì 5 marzo alle 21 alla Sala Truffaut della Cittadella del Cinema per la XII Stagione Invernale di Prosa promossa dall’Associazione omonima presieduta da Mimma Cafaro.

Lo spettacolo, ovunque sold out, un’evoluzione moderna del film Frankenstein Jr. di Mel Brooks, cerca di analizzare il freak show di oggi tra tv, cinema e teatro, la società odierna e quel continuo pullulare di bellezze senza capacità, artisti senza talento, fenomeni privi di contenuti e qualità.

«I mostri sono tutti quei nuovi insignificanti personaggi che riempiono lo show business dei nostri tempi – spiega Casagrande – gente che non ha cultura, arte, preparazione, capacità. Racconto questo mondo, che non è il massimo. Per me che sono cresciuto con i mostri sacri questi sono i mostri o’ ver».

SINOSSI Casagrande interpreta Franco, un rockstar degli anni ’80 che vive la sua fase di declino, sposato con Ursula, classica conduttrice televisiva di successo. Franco, che non vuole cedere alla corruzione e alla pochezza mentale e morale che vede dilagare nel mondo televisivo, diviene un “diverso”, uno “scarto” non collocabile in nessun spazio predisposto. In una leggera e tragica – come solo la comicità sa essere – negazione delle logiche sociali, si ritroverà in un contesto che ricorda per ambientazioni e odori il film cult “Frankestein jr.” dove prendono vita mostri di tutti i tipi, ma facilmente riconoscibili, come nelle fiabe, dove il cattivo c’è ed ha “la faccia da cattivo”. La trama prosegue con sbalzi di ambientazioni e logiche per poi terminare con un apprezzatissimo finale tutt’altro che banale.

La regia è dello stesso Casagrande, il testo è scritto insieme con Francesco Velonà, le scene sono di Sissy Granata ed i costumi di Maria Rosaria Riccio. In scena anche Fabio Balsamo (webstar innamorata del teatro) Tiziana De Giacomo (la vampira con un grande senso di humor) Nicola D’Ortona (il licantropo) Giovanna Rei (nel ruolo della moglie Ursula, una “Barbara d’Urso esasperata”) Marianna Liguori (l’indemoniata) e la musicista Claudia Vetri. Grande il contributo delle video-proiezioni, che allontanano lo spettatore dalla staticità di una scena teatrale.

INFO UTILI Lo spettacolo andrà in scena alle 21 alla Sala Truffaut della Cittadella del Cinema Per informazioni: Associazione Giffoni Teatro – Via Paolo Scarpone 1 – Giffoni Valle Piana; Tel. 3394611502; www.giffoniteatro.it; info@giffoniteatro.it. Biglietteria online www.go2.it; Botteghino Sala Truffaut: Via A. Moro 2, nei giorni di spettacolo dalle ore 19,00.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Roma-Pechino quali vantaggi per le PMI

A cura di Rusciano Mariarosaria Secondo un’indagine della Fondazione Italia Cina, le piccole e medie imprese basate nell’ex Celeste...

Commercio online: l’evoluzione delle normative

A cura di Giuseppe Catapano  La continua evoluzione del commercio online e l’incremento dell’utilizzo delle piattaforme digitali degli ultimi...

Si può chiedere il bonus pubblicità per l’anno 2021?

Dal 1 al 31 marzo sarà possibile richiedere il bonus pubblicità. Utilizzando i servizi disponibili nell'area riservata del sito...

Posso liberarmi di una garanzia prestata per un mutuo ?

Senza l’accordo del creditore (la banca attuale o un eventuale nuovo istituto di credito se si sceglie la surroga), e senza che siano...

Commenti recenti