L’uso progressivo dei cellulari porta il tumore?

“L’ipotesi che l’uso prolungato del cellulare possa causare tumori alla testa non è fondata su una base scientifica”: commento fatto da Alessandro Vittorio Polichetti, primo ricercatore dell’Istituto Superiore di Sanità, alla sentenza della Corte d’Appello di Torino che ha solo stabilito che il frequente utilizzo del telefono può provocare il cancro.

Già nel caso della sentenza di primo grado di qualche anno fa, nel 2017, confermata in Appello, ha poi ricordato: “ci esprimemmo sottolineando che la decisione non era fondata su una base scientifica. E, da allora, anche le successive evidenze non hanno fatto altro che confermare questa impostazione”.

Ancora molti anni prima nel 2011 l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro ha classificato, sulla base di studi epidemiologici, i campi elettromagnetici a radiofrequenza come possibili cancerogeni, ma questo significa, ha spiegato Polichetti, che “di fatto, nessuna correlazione è stata ancora stabilita”, a differenza delle sostanze classificate come certamente cancerogene per l’uomo (raggi UV, alcol, sigarette) e di quelle probabilmente cancerogene, ovvero il cui nesso col tumore è stato dimostrato sugli animali (come il consumo di carni rosse).Risultati immagini per cellulare orecchio

Il tema è stato ampiamente studiato in tutto il mondo, ma:  “i pochi studi che hanno mostrato qualche debole evidenza sul legame tumori e cellulari, erano limitati da problemi metodologici, dovuti al fatto che sono indagini retrospettive condotte su persone che hanno avuto una diagnosi di tumore e che, nel ricordare l’uso fatto degli smartphone negli anni precedenti, potrebbero esser portate a sovrastimarne l’utilizzo”.

Ed è proprio su questi studi che Roberto Moccaldi, nonchè responsabile della Medicina del lavoro e incarichi professionali del Cnr, si sarebbe basata sulla decisione presa dei giudici di Torino, ed infatti consiglia: non tenere il telefono vicino al corpo quando non viene utilizzato, utilizzare l’auricolare o il vivavoce e preferire le conversazioni scritte a quelle telefoniche.

fonte: www.tgcom24.mediaset.it

Tags from the story
Written By
More from Redazione

Quarant’anni fa la strage alla stazione di Bologna

È anche una storia di ragazzi del secolo scorso, la strage di Bologna avvenuta quarant’anni...
Read More