13 Aprile 2021, martedì
Home Consulente di Strada Recupero crediti,mi chiamano a tutte le ore per sollecitare il pagamento di...

Recupero crediti,mi chiamano a tutte le ore per sollecitare il pagamento di rate in scadenza,come posso difendermi?

Recupero crediti,mi chiamano a tutte le ore per sollecitare il pagamento di rate in scadenza,come posso difendermi?

Risponde il Prof.Giuseppe CatapanoRisultati immagini per recupero crediti

Sollecitare il pagamento di un debito con telefonate insistenti e ripetute è reato. È quanto stabilito dalla Cassazione con la sentenza n. 29292/2019, che attribuisce a un’agenzia di recupero crediti il reato di molestie e disturbo all’art. 660 cod. pen. e nello specifico alla condanna del titolare della stessa per non aver vigilato sulla condotta dei propri collaboratori.

Il caso in questione riguarda LL, un ex cliente di una società elettrica che dopo l’interruzione del contratto di fornitura non ha pagato alcune fatture. La società elettrica si è quindi rivolta a un’agenzia di recupero crediti in capo a SDR, che attraverso i suoi collaboratori ha tempestato di chiamate (circa 8-10 telefonate al giorno per quasi due mesi) il debitore, al fine di ottenere il saldo delle fatture. Il Tribunale ha condannato l’agenzia di recupero crediti che ha presentato ricorso alla Corte Suprema.

Nello specifico, la Cassazione ha precisato che, “nel caso di specie, appare indubbio che l’illiceità dell’azione posta in essere con il decisivo concorso di SDR è derivata dalla scelta, presumibilmente compiuta dalla governance aziendale, di ricorrere ad insistite e pressanti iniziative finalizzate al recupero del credito, così anteponendo gli obiettivi di profitto al rispetto dell’altrui diritto al riposo ed a non essere disturbati, ciò che integra il biasimevole motivo richiesto dalla norma incriminatrice”.

“Il Tribunale, del resto,” si legge nella nota “è esplicito nell’attestare, sul punto, che già l’elevata frequenza delle telefonate quotidiane risponde alla nozione di petulanza richiesta dalla disposizione applicata. Non può allora dirsi, conclusivamente, che il Tribunale sia incorso, in proposito, nell’evocato deficit motivatorio, avendo il giudice di merito spiegato, sia pure sinteticamente, che SDR era sicuramente a conoscenza delle violazioni dei codici interni di comportamento, ciò che vale a qualificare il suo contegno in termini quantomeno colposi ed attesta la manifesta infondatezza della deduzione sottesa all’impugnazione.”

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Anche in Italia si preparano test per la ripartenza dei concerti

In Spagna sono stati fatti test per far ripartire i concerti  ,a Barcellona si sono tenuti due live di prova, davanti a...

Napoli, la protesta dei lavoratori dello spettacolo: «Noi esclusi anche dai bonus»

I lavoratori dello spettacolo a Napoli sono scesi davanti al teatro Mercadante per manifestare le difficoltà di un settore completamente paralizzato dal...

Riaperture di cinema e teatri, il piano di Franceschini

Il ministro della cultura Dario Franceschini ha illustrato nell’incontro con gli esperti del Comitato tecnico-scientifico, una proposta scritta per riaprire in sicurezza appena sarà...

Calenda a Letta, primarie legittime ma le strade si separano

Enrico Letta segretario del Pd ha rilanciato le primarie per le elezioni amministrative "Le amministrative sono un banco...

Commenti recenti