8 Marzo 2021, lunedì
Home Consulente di Strada Quanto spetta alla moglie a titolo di pensione indiretta?

Quanto spetta alla moglie a titolo di pensione indiretta?

Quanto spetta alla moglie a titolo di pensione indiretta?

Risponde il Prof.Giuseppe CatapanoImmagine correlata

La pensione indiretta spetta alla moglie superstite a partire dal primo giorno del mese successivo a quello in cui è avvenuto il decesso del lavoratore indipendentemente dal momento in cui viene presentata la domanda. La tempistica è uguale anche per la pensione di reversibilità. In ogni caso, la pensione corrisponde ad una percentuale, subendo una riduzione rispetto a quella alla quale avrebbe avuto diritto il lavoratore o a quella spettante al defunto.

Quindi alla coniuge spetta:

  • il 100% della prestazione, se vi sono due o più figli;
  • l’80%, se vi è un solo figlio;
  • il 60%, se è sola.
  • La pensione indiretta ma anche quella di reversibilità può subire altri tagli se la moglie risulta beneficiaria di ulteriori redditi. In particolare, la prestazione può essere ridotta del 25% ovvero del 40% o ancora del 50% in base alla fascia di reddito nella quale ricade quello dell’interessata.

    limiti di reddito per effettuare la riduzione variano di anno in anno e si basano sul trattamento minimo della pensione previsto dall’Inps, che per il 2019 è stato stabilito in € 513,01.

    Più semplicemente:

    • se il reddito della moglie non supera di 3 volte il trattamento minimo Inps e quindi, ammonta ad € 20.007,39 annui, la pensione non subirà alcuna riduzione;
    • se il reddito è compreso tra € 20.007,39 ed € 26.676,52 (4 volte il minimo Inps), la riduzione sarà pari al 25%;
    • se il reddito supera € 26.676,52 ma non € 33.345,65 (5 volte il minimo Inps), la pensione verrà ridotta del 40%;
    • se il reddito supera € 33.345,65 euro, la pensione sarà ridotta del 50%.

    Tuttavia, la riduzione non si applica se nel nucleo familiare sono presenti figli minori, studenti o disabili.

Ai fini della riduzione della pensione vanno considerati i redditi della moglie assoggettabili all’Irpef, calcolati al netto dei contributi previdenziali e assistenziali; vanno, invece, esclusi: il Tfr (Trattamento di fine rapporto) e le relative anticipazioni, il reddito della casa di abitazione, gli arretrati sottoposti a tassazione separata e la pensione ai superstiti su cui deve essere operata la riduzione
Sponsorizzato

Ultime Notizie

Lasciamo Draghi che governi

A cura di Giuseppe Catapano  Sono passati pochi giorni da quando Mario Draghi ha ricevuto l’incarico di formare il...

Serie A. Roma al minimo. Ma vince

Nell anticipo delle 12:30 della ventiseiesima giornata di campionato la Roma batte il Genoa per 1-0. ROMA-GENOA 1-0

Quali obblighi per la conservazione dei libri e fatture ?

In riferimento alle fatture, il servizio webdi conservazione sostitutiva fornito dall’Agenzia delle Entrate garantisce a tutti gli effetti il rispetto del dettato...

‘Lo chiamavano Teatro’, un corto realizzato per la chiusura del settore

Ad un anno dalla chiusura dei teatri italiani è stato realizzato un corto "Lo chiamavano Teatro", scritto da Luca Basile, diretto da...

Commenti recenti