28 Settembre 2021, martedì
Home Consulente di Strada Quanto spetta alla moglie a titolo di pensione indiretta?

Quanto spetta alla moglie a titolo di pensione indiretta?

Quanto spetta alla moglie a titolo di pensione indiretta?

Risponde il Prof.Giuseppe CatapanoImmagine correlata

La pensione indiretta spetta alla moglie superstite a partire dal primo giorno del mese successivo a quello in cui è avvenuto il decesso del lavoratore indipendentemente dal momento in cui viene presentata la domanda. La tempistica è uguale anche per la pensione di reversibilità. In ogni caso, la pensione corrisponde ad una percentuale, subendo una riduzione rispetto a quella alla quale avrebbe avuto diritto il lavoratore o a quella spettante al defunto.

Quindi alla coniuge spetta:

  • il 100% della prestazione, se vi sono due o più figli;
  • l’80%, se vi è un solo figlio;
  • il 60%, se è sola.
  • La pensione indiretta ma anche quella di reversibilità può subire altri tagli se la moglie risulta beneficiaria di ulteriori redditi. In particolare, la prestazione può essere ridotta del 25% ovvero del 40% o ancora del 50% in base alla fascia di reddito nella quale ricade quello dell’interessata.

    limiti di reddito per effettuare la riduzione variano di anno in anno e si basano sul trattamento minimo della pensione previsto dall’Inps, che per il 2019 è stato stabilito in € 513,01.

    Più semplicemente:

    • se il reddito della moglie non supera di 3 volte il trattamento minimo Inps e quindi, ammonta ad € 20.007,39 annui, la pensione non subirà alcuna riduzione;
    • se il reddito è compreso tra € 20.007,39 ed € 26.676,52 (4 volte il minimo Inps), la riduzione sarà pari al 25%;
    • se il reddito supera € 26.676,52 ma non € 33.345,65 (5 volte il minimo Inps), la pensione verrà ridotta del 40%;
    • se il reddito supera € 33.345,65 euro, la pensione sarà ridotta del 50%.

    Tuttavia, la riduzione non si applica se nel nucleo familiare sono presenti figli minori, studenti o disabili.

Ai fini della riduzione della pensione vanno considerati i redditi della moglie assoggettabili all’Irpef, calcolati al netto dei contributi previdenziali e assistenziali; vanno, invece, esclusi: il Tfr (Trattamento di fine rapporto) e le relative anticipazioni, il reddito della casa di abitazione, gli arretrati sottoposti a tassazione separata e la pensione ai superstiti su cui deve essere operata la riduzione
Sponsorizzato

Ultime Notizie

Intervista a Rosa Miranda dotata di un’innata sensibilità artistica, tanta determinazione e tenacia

di Ionela Polinciuc Siamo oggi con Rosa Miranda, una personalità vulcanica e grintosa, è capace di “indossare” ruoli sempre...

Il precedente amministratore è responsabile dei debiti tributari della società chiusa ?

L'ex amministratore della srl non risponde dei debiti fiscali della società estinta .La Corte di cassazione ha sancito , con l'ordinanza numero...

A Napoli eseguito trapianto di cuore a bimba di 11 mesi

All'ospedale Monaldi di Napoli è stato eseguito un trapianto di cuore su una piccola paziente di 11 mesi. L'intervento è stato effettuato...

Trionfo Graus Edizioni al Menotti Festival Art Spoleto Art in the City

Nel suggestivo centro storico di Spoleto si è tenuto il Menotti Festival Art 2021, la grande kermesse che si è svolta in vari spazi...

Commenti recenti