15 Maggio 2021, sabato
Home Salute CASAMICA RADDOPPIAL’ACCOGLIENZA Dal 16 al 30 settembre torna la campagna solidale #comeacasa:

CASAMICA RADDOPPIAL’ACCOGLIENZA Dal 16 al 30 settembre torna la campagna solidale #comeacasa:

Autunno all’insegna della solidarietà e del sostegno alle persone in difficoltà: dal 16 al 30 settembre è attiva la campagna sms solidale #comeacasa di CasAmica Onlus, associazione impegnata da oltre 30 anni ad offrire accoglienza e supporto ai “pendolari della salute” e ai loro familiari. Per aiutare CasAmica Onlus a garantire un posto letto e il calore di una famiglia alle persone malate costrette a sottoporsi a cure lontano da casa basta un sms o una chiamata da rete fissa al 45588.In Italia ogni anno sono circa 400 mila le persone affette da gravi patologie che, per ricevere le cure necessarie, sono costrette a spostarsi lontano dalla propria città: un numero molto importante che ingloba anche tanti pazienti che, a causa di fragilità economiche, oltre alle preoccupazioni legate alla salute devono affrontare le difficoltà logistiche di una sistemazione per sé e per la propria famiglia.  Persone che, non di rado, finiscono per essere costrette a dormire in macchina fuori dagli ospedali, tra mille disagi.

«CasAmica – spiega la presidente dell’associazione Lucia Cagnacci Vedani – tende loro una mano, mettendo a disposizione le proprie case di accoglienza: strutture dove queste persone disorientate e angosciate trovano il conforto e il sostegno di numerosi volontari e operatori, nel rispetto di uno stile di accoglienza che negli anni si è fatto sempre più attento a creare un ambiente confortevole e familiare. Nel 2017 siamo riusciti ad ospitare oltre 6 mila persone, ma è fondamentale rafforzare ulteriormente questo servizio in modo da poter garantire un supporto sempre maggiore ai pendolari della salute e ai loro familiari: per questo abbiamo deciso di rilanciare la campagna solidale #comeacasa».

CasAmica gestisce sei strutture di accoglienza distribuite a Milano, Roma e Lecco. A Milano, in particolare, sono presenti tre case per gli adulti e una pensata appositamente per i bambini e per i loro familiari. La casa di Roma, immersa in un grande spazio verde, accoglie sia adulti che bambini con i loro genitori e la casa di Lecco è nata per accogliere, in particolare, i malati che devono affrontare una lunga riabilitazione e non hanno una rete di parenti e amici in grado di aiutarli. Le strutture sono aperte 365 giorni l’anno e si trovano nei pressi di importanti centri di eccellenza ospedaliera.Il periodo medio di permanenza nelle case è di circa 10 giorni e la maggior parte degli ospiti arriva dopo aver affrontato un lungo viaggio: il 73%, infatti, proviene dal Sud Italia e dalle Isole e l’1% viene dall’estero, soprattutto dall’Est Europa.

«È moralmente inaccettabile – conclude Lucia Cagnacci Vedani – che al dolore di una malattia debbano aggiungersi anche gravi disagi pratici, economici e organizzativi. CasAmica si pone l’obiettivo di ampliare sempre di più la rete di accoglienza per i pendolari della salute, ma è necessario un aiuto da parte di tutti. Anche piccolo come un sms».

Per sostenere la campagna di CasAmica Onlus, dal 16 al 30 settembre è possibile donare tramite numero solidale 45588:

– 2 euro per ciascun SMS inviato da cellulari Wind Tre, TIM, Vodafone, PosteMobile, CoopVoce, Tiscali

– 5 euro con chiamata da rete fissa TWT, Convergenze, PosteMobile

– 5 o 10 con chiamata da rete fissa Tim, Wind Tre, Fastweb, Vodafone, Tiscali

 

Per informazioni su CasAmica: www.casamica.it

Per informazione sulla campagna: www.casamica.it/sms

CasAmica Onlus è un’organizzazione di volontariato che dal 1986 accoglie i malati costretti a spostarsi in altre città per cure e interventi chirurgici e i loro familiari. Attualmente gestisce sei case di accoglienza a Milano, Lecco e Roma. Aperte 365 giorni all’anno, le strutture si trovano nei pressi di importanti centri di eccellenza ospedaliera, come l’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano, il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico a Roma e l’Ospedale Manzoni di Lecco. In tutte le case di accoglienza gli ospiti trovano il conforto, la dedizione e il sostegno di circa 120 volontari e degli operatori di CasAmica, nel rispetto di uno stile di accoglienza che negli anni si è fatto sempre più attento a creare un ambiente confortevole e familiare. www.casamica.it

CasAmica a Milano

4 Case, di cui una esclusivamente dedicata ai bambini, 100 posti letto complessivi.

Le Case sorgono in via Fucini, via Saldini e via Sant’Achilleo, in una zona strategica che serve principalmente i pazienti dei seguenti ospedali:

– Istituto Nazionale dei Tumori

– Istituto Neurologico Carlo Besta

– Ospedale dei Bambini Vittore Buzzi

– Ospedale San Raffaele

– Istituto Clinico Humanitas

 

CasAmica a Roma

1 casa, 38 posti letto, la metà dei quali riservati ai bambini

La struttura si trova in zona Trigoria, nel IX Municipio, in Via Beato Fusco.

È punto di riferimento per le seguenti strutture ospedaliere:

– Policlinico Universitario Campus Biomedico

– Istituto Nazionale Tumori Regina Elena

– Ospedale Sant’Eugenio

– Ospedale Pediatrico Bambino Gesù

– Policlinico Universitario Agostino Gemelli

 

CasAmica a Lecco

1 casa, 18 stanze, situata in via alla Rovinata.

La struttura è punto di riferimento per i pazienti delle seguenti strutture:

– Ospedale Manzoni Lecco e presidi di Bellano e Merate

– G. B. Mangioni Hospital

– Villa Beretta – Presidio di Riabilitazione Ospedale Valduce

– IRCCS Eugenio Medea – Polo Scientifico Bosisio Parini

– Casa di Cura Lecco “Beato Luigi Talamoni”

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Più di 70 mila imprese rischiano di chiudere, quasi 20 mila al Sud

Sono a forte rischio di espulsione dal mercato 73.200 imprese italiane tra 5 e 499 addetti, il 15% del totale, di cui quasi...

COMUNICATO STAMPA

PREMIO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE PER LA POESIA E LA NARRATIVA“MARIA DICORATO” L’Associazione Pro(getto) Scena Edition ETS nasce con l’obiettivo...

Draghi:”Bisogna investire sulle donne e sulla possibilità di avere figli”

"Un'Italia senza figli è un'Italia che non crede e non progetta. È un'Italia destinata lentamente a invecchiare e scomparire.

Commenti recenti