25 Luglio 2021, domenica
Home News Dal caso Stamina all'obbligo dei vaccini. Cosa è stato fatto dal ministero...

Dal caso Stamina all'obbligo dei vaccini. Cosa è stato fatto dal ministero della Salute

Dal caso Stamina​ ai vaccini, dalle polemiche per il Fertility day alla difesa del fondo sanitario nazionale, le nuove leggi sul fumo, i nuovi Lea. Sono stati cinque anni intensi al ministero della Salute quelli di Beatrice Lorenzin, classe 1971, rimasta in carica allo stesso ministero per tutta la legislatura, unica tra i ministri, e segnando il record di più lunga permanenza senza interruzioni nel dicastero di Lungotevere Ripa.Due commissioni di esperti, tra mille polemiche, bocciano il “metodo”. Ma è la magistratura a mettere la parola fine alla vicenda: la Procura di Torino accusa Vannoni di associazione a delinquere finalizzata alla truffa, somministrazione di farmaci guasti ed esercizio abusivo della professione medica, e il fondatore di Stamina finisce per patteggiare nel 2015 una pena a un anno e dieci mesi.Beatrice-Lorenzin.jpg

A segnare il mandato della Lorenzin, tra tanti temi, quello della lotta al fumo: nel 2014 viene adottata la direttiva europea sulla stretta ai pacchetti di sigarette con le immagini choc sulle confezioni, mentre è la stessa Lorenzin a introdurre nuovi divieti in Italia, tra cui quello di fumo in auto alla presenza di minori e donne incinte, il divieto di vendita dei pacchetti da dieci, il divieto di fumo a scuola, anche all’aperto.Sono anche gli anni della fecondazione eterologa, che diventa lecita anche in Italia dopo che la Consulta ha bocciato il divieto contenuto nella legge 40 e che viene poi inserita nei nuovi Lea, i Livelli essenziali di assistenza. Sono questi ultimi uno dei passaggi cruciali del quinquennio Lorenzin: 110 nuove prestazioni garantite dal servizio sanitario nazionale, 800 milioni stanziati. Il primo aggiornamento dopo 15 anni, che inserisce finalmente il parto senza dolore, la lotta all’endometriosi, alcuni nuovi vaccini come l’antimeningococco​ e l’antipapillomavirus​. Proprio i vaccini sono il tema chiave del quinquennio. Nei primi mesi del 2017 monta l’allarme per un’inaspettata epidemia di morbillo, malattia che si credeva in via di eradicazione. A maggio l’annuncio del ministro: i vaccini torneranno obbligatori, è pronto un decreto che fissa a 12 i vaccini che vanno somministrati ai bambini da 0 a 16 anni, pena la non iscrizione a scuola.Anni segnati anche da incredibili gaffe, come quella della campagna per il Fertility day. Ma rimane, al termine del quinquennio, un dato indubitabile: dopo anni di tagli alla sanità pubblica, il fondo sanitario nazionale è cresciuto. Nel 2013 erano stanziati 107 miliardi, nel 2017 siamo a 114 miliardi.

a cura di Maria Parente

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Green pass tra gioie e dolori: l’economia, forse, riparte

Con l'indice Rt che schizza a 1,26 l'approvazione del green pass è l'àncora di salvezza per numerose attività che hanno sofferto la...

Comunicato stampa: Premio Castello Sotto Le Stelle 2021

Aci Castello. Grande attesa per il Premio Castello Sotto Le Stelle 2021, in programma giovedì 22 luglio alle...

Tokyo: Buongiorno Italia; via alle gare, Malagò parla al Cio

A due giorni dalla cerimonia inaugurale, Tokyo 2020 è già partita con il prologo delle sue gare e a dare il via...

Letta tira dritto sul ddl Zan e il Pd fa muro contro gli attacchi di Renzi

Dalla giustizia al ddl Zan, Matteo Renzi ha ormai messo nel mirino il Partito Democratico e il suo segretario, Enrico Letta.

Commenti recenti