29 Settembre 2022, giovedì
Home News In Italia imprese sempre più multietniche

In Italia imprese sempre più multietniche

La presenza di dipendenti nelle aziende italiane appartenenti a diverse etnie e di nazionalità straniera è ormai un dato assodato e diffuso: sono oltre il 71%, secondo la ricerca appena realizzata da Aidp, la principale associazione dei direttori del personale in Italia, che fa il punto sullo stato dell’arte per ciò riguarda la gestione e valorizzazione delle differenza culturali, etniche, e religiose nelle aziende di qualsiasi settore e dimensione, in termini di differenze, criticità, iniziative e politiche presenti. Le nazionalità più presenti sono la Romania (30%), l’Albania (26%), il Marocco (24%), la Polonia (15%), la Cina (11%), su 45 paesi di provenienza censiti. Il 48% svolge mansioni esecutive, il 25% impiegatizie, l’11% sono tecnici altamente specializzati, il 10% quadri e l’8% sono dirigenti.imprese-multietniche

“Nel contesto italiano – spiega Isabella Covili Faggioli, presidente Aidp – è ancora presente una visione parziale in merito alle differenze culturali, etniche e religiose. Il fatto che la differenza sia poco riconosciuta, o non volontariamente ricercata, non significa che essa non sia presente, che non debba essere gestita o che non possa rappresentare una risorsa per l’organizzazione. La diversità è un valore di cui ogni organizzazione ha bisogno e di cui occorre prendersi cura in modo che tutte le persone possano esprimere al massimo le loro competenze permettendo all’azienda di vincere le sfide e le competizioni che l’aspettano”.L’80% delle aziende non ha in essere politiche specifiche di gestione delle differenze culturali, religiose ed etniche. Per il 61% delle aziende che hanno risposto di non avere politiche specifiche la ragione è nella mancanza di problemi a riguardo, per l’8% perché non ci sono risorse e per un altro 6% perché ci sono altre priorità. Le maggiori difficoltà riguardano quelle linguistiche (55%), l’incomprensione tra i colleghi (65%), il differente significato del concetto di lavoro(49%), le esigenze alimentari (47%). Per contro, la pausa per la preghiera (84%) oppure generiche discriminazioni (70%) non sono considerati aspetti critici. In generale, tuttavia, prevale una logica di omogeneizzazione nelle aziende in cui la gestione delle differenze non è ancora adeguatamente utilizzata anche in chiave di sviluppo del business rispetto all’accesso a nuove mercati esteri per esempio.

a cura di Maria Parente

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Protestano i panificatori campani a Napoli, in piazza del Plebiscito: “ No, al rischio aumento del pane”

A cura di Luigi Rubino Con il caro bollette di luce e gas, ci saranno inevitabili conseguenze anche sull’aumento...

Omicidio professore a Melito: in stato di fermo collaboratore scolastico

A cura di Luigi Castiello Non è ancora chiaro il movente riguardo l'omicidio del professore di sostegno Marcello Toscano trovato morto con...

Secondo quanto stabilito da Arera, dal 1° ottobre la bolletta dell’elettricità salirà del 59%

COMUNICATO STAMPA DELL'UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI DEL 29-09-22 Energia: Arera, elettricità +59% Arera: Unc, rialzo record, stangata...

Programmi TV per oggi 29 settembre 2022

Sei indeciso su cosa guardare in TV stasera? Di seguito ecco la programmazione TV completa per tutte le principali reti italiane.

Commenti recenti