1 Dicembre 2021, mercoledì
Home News La guerra fra vecchi e giovani di cui non si parla più

La guerra fra vecchi e giovani di cui non si parla più

La protesta dei giornalisti precari si è svolta in maniera accesa, con una irruzione dentro la sede del sindacato. Che, assieme al governo risponde così: non si tratta di equo compenso ma di compenso minimo, 20 euro è meglio di 5 euro, è un primo passo. “Non è un salario mensile, ma un compenso per 12 articoli pubblicati in un mese”, ha precisato Franco Siddi, segretario Fnsi, di cui su twitter si chiedevano le dimissioni. E l’hashtag #StopFnsi è diventato TT per diverse ore.

Di questo scontro, tra sindacato e giornalisti precari sull’equo compenso, si scrive poco, e potete immaginare perché. Ma è un grave errore. Perché la dinamica di questo scontro è davvero importante nel contesto della disoccupazione giovanile, e della precarietà. Da una parte abbiamo un governo che assieme a un sindacato (unico) firma un accordo dove la discrepanza fra “garantiti” e “precari” è notevole, 120 milioni ai prepensionati contro 250 euro al mese ai precari. Da qui a ristabilire la dicotomia “vecchi contro giovani”, il passo è breve (in questo caso meno fuori luogo che altrove).

Con una totale assenza di mediazione fra le due parti, con sindacato e governo che si mostrano indisposti – se non apertamente ostili – verso le istanze presentate dai manifestanti. Un abisso a definire i rapporti fra le parti, che a pensarci è roba da ’800. Un governo che – vi piaccia o no – ha dalla sua l’appoggio della quasi totalità dei mezzi di comunicazione e giornali. Un sindacato unico. Dall’altra tanti, tantissimi giovani precari senza tessera sindacale, contratto, soldi, tutele, nulla.

Ora, se volete tutto questo possiamo ignorarlo. Ma è il medesimo quadro di tanti altri mondi che formano il cosiddetto “precariato”. E che in una maniera o l’altra ci coinvolge tutti: avvocati, medici, ingegneri, callcenteristi, operai, tecnici, impiegati, commessi. Ignorare i fatti di questi giorni, quindi, significa chiudere gli occhi di fronte a quello che accade nel nostro paese ogni giorno. E 4 mesi di governo Renzi, mi spiace, non possono avere cambiato tutto questo.

Non capire la reale gravità di quanto accaduto con l’equo compenso, e di questo scontro tra establishment e precari, significa non conoscere la reale situazione dei giovani d’oggi. Che l’Istat fotografa ogni mese, col tasso del 43.3% di disoccupazione giovanile. E allora ci pensiamo noi: parte oggi la nuova campagna de L’isola dei cassintegrati “TI VENDI BENE TU” (omaggio alla canzone de Le Luci Della Centrale Elettrica), per raccontare come si vendono i giovani nel mercato del lavoro nell’Italia odierna. Avvocati a stage, licenziati con meno di 25 anni, determinati rinnovati ogni 3 mesi, chi lavora gratis, e chi non conta più i master e gli stage conseguiti.

Ti vendi bene tu, che prendi 500 euro al mese per lavorare 12 ore al giorno?

Ti vendi bene tu, che a 35 anni hai dovuto chiedere un prestito ai tuoi genitori?

Ti vendi bene tu, che sei al terzo master e ancora non trovi lavoro?

Ti vendi bene tu, all’ennesimo rinnovo del determinato?

Ti vendi bene tu, che sei finito a lavorare gratis?

Sponsorizzato

Ultime Notizie

In Grecia vaccino obbligatorio per gli over 60. Multe di 100 euro per chi non lo fa

Il primo ministro greco, Kyriakos Mitsotakis, ha annunciato che dal 16 gennaio vaccinarsi contro il Covid sarà obbligatorio per gli over 60, pena...

Draghi: “Pronti a intervenire di nuovo contro i rincari delle bollette”

 Il governo è pronto a intervenire di nuovo contro il caro bollette: lo ha detto il presidente del Consiglio, Mario Draghi, nel...

Perquisiti gli stalker no vax dell’infettivologo Bassetti

Dalle prime ore del mattino la Polizia sta eseguendo 9 perquisizioni nei confronti di altrettanti soggetti “no vax” sparsi su tutto il territorio nazionale,...

Come raggiungere la tranquillità finanziaria ?

Per TRANQUILLITÀ FINANZIARIA intendiamo il raggiungimento dei nostri obbiettivi finanziari e il pieno soddisfacimento di ogni nostra esigenza di natura finanziaria. Al fine di...

Commenti recenti