23 Settembre 2021, giovedì
Home News Inchiesta Mose, l'80% dello stipendio ai consiglieri arrestati e sospesi

Inchiesta Mose, l’80% dello stipendio ai consiglieri arrestati e sospesi

Due pesi, due misure? I fatti dicono che in Veneto i dipendenti regionali, anche dirigenti, quando vanno in galera vengono immediatamente sospesi dall’incarico e lo stipendio viene dimezzato. Anche i politici che finiscono in gattabuia ci rimettono dal punto di vista economico, ma meno: continuano a prendere l’80 per cento dell’indennità di carica.

I veneti, in compenso, pagano per tutti. Perché oltre alle indennità (ridotte, ma pur sempre sostanziose) dei consiglieri sospesi, devono pagare anche quelle (piene) deiconsiglieri supplenti. Per farla breve: dopo lo scandalo Mose le buste paga dei politici a Palazzo Ferro Fini adesso non sono più 60, ma 62. E non si sa neanche per quanto tempo.

E mentre il caso scoppia anche a Roma per i deputati finiti agli arresti, a Venezia allargano le braccia: sono gli effetti della legge Severino, dicono. E’ la nuova normativa che ha esteso i casi di sospensione per gli amministratori locali coinvolti in procedimenti penali. Una volta la sospensione scattava per vicende di mafia. Adesso, col decreto 235/2012, è estesa a più casi. In Regione è successo per 4: due dipendenti e due consiglieri. Subito dopo l’arresto, i dirigenti Giovanni Artico e Giuseppe Fasiol sono stati sospesi dal governatore Luca Zaia. Che non li ha sostituiti: i rispettivi incarichi sono stati attribuiti ad altri colleghi. Successivamente Artico e Fasiol sono tornati liberi e sono rientrati al lavoro, ma durante il periodo della sospensione hanno avuto lo stipendio ridotto.

Cosa succede invece per i consiglieri regionali? La legge Severino prevede “le diverse specifiche discipline regionali”. E la specifica del Veneto dice due cose: 1 – i consiglieri sospesi devono prendere l’80% dell’indennità di carica; 2 – devono essere sostituiti dai supplenti.

Più semplicemente: Renato Chisso (tuttora in carcere) e Giampietro Marchese (ora ai domiciliari) sono stati sospesi lo scorso 4 luglio (un mese dopo gli arresti) con decreto del premier Renzi, notificato al consiglio regionale per il tramite della Prefettura martedì scorso. Per il periodo della sospensione i due percepiranno “l’indennità ridotta di un quinto”. L’80% dello stipendio lordo di 6.600 euro e cioè 5.280 euro al mese. I loro “supplenti”, Francesco Piccolo e Alessio Alessandrini, subentrati ieri, avranno invece lo stipendio pieno.

Ma c’era bisogno dei supplenti? Forse no, ma la norma (legge statale 108/68 da cui dicende la legge regionale 5/2012) dice sì. Così a Palazzo Ferro Fini si pagano 62 stipendi con 60 consiglieri effettivi.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Green pass, il decreto in Gazzetta. Senza Green pass via lo stipendio ma salta la sospensione

Il decreto legge per l'obbligo del Green pass sui luoghi di lavoro, approvato la scorsa settimana in Consiglio dei ministri, è stato pubblicato...

“Moralizzare” la pandemia

A cura di Giuseppe Catapano  Sin dalle sue prime battute, in troppi hanno provato a "moralizzare" la pandemia, a farne...

COMUNICATO STAMPA: al via le riprese di “sartu’ ” la sitcom che coniuga comicità e cucina

Maurizio Mattioli ed Enzo Salvi, esilaranti protagonisti dell’”Italian Comedy” sono i brillanti interpreti di Sartu’, un nuovo format televisivo prodotto dalla “MAX...

Putin, Russia Unita conferma la sua leadership

Il presidente russo Vladimir Putin stima "positivamente" il risultato elettorale del suo partito Russia Unita nelle legislative svoltesi tra venerdì a domenica....

Commenti recenti