12 Aprile 2021, lunedì
Home News Servizi pubblici, rincari record. Acqua e rifiuti +80% in 10 anni

Servizi pubblici, rincari record. Acqua e rifiuti +80% in 10 anni

Acqua e rifiuti più cari dell’80%: negli ultimi 10 anni i prezzi dei principali servizi pubblici in Italia hanno subito aumenti record. Lo denuncia laCgia di Mestre parlando di rincari pari all’85,2% per l’acqua, 81,8% per i rifiuti, 50,1% i pedaggi autostradali e 49,6% i trasporti urbani. Tra le 10 voci prese in esame, solo i servizi telefonici hanno subito un calo: -15,9%.

Sempre nel periodo considerato, l’inflazione è invece aumentata del 23,1%. L’associazione degli artigiani di Mestre sottolinea che “purtroppo, le liberalizzazioni non hanno prodotto gli effetti sperati” e prende in esame anche l’aumento delle tariffe registrato da alcune voci nel periodo intercorso proprio dall’anno di liberalizzazione fino al 2013.

Ebbene, le assicurazioni sui mezzi di trasporto sono salite del 197,1% (4 volte in più dell’inflazione), i pedaggi autostradali del 62,7% (1,7 volte in più), i trasporti ferroviari del 57,4%(1,7 volte in più), il gas del 53,5% (2,3 volte in più), mentre i servizi postali hanno subito un incremento del 37,8% pressoché uguale a quello registrato dall’inflazione. Solo i servizi telefonici hanno subito un calo dei prezzi: -18,8%, contro un aumento dell’inflazione del 38,5%.

Sia chiaro, precisa Giuseppe Bortolussi, segretario della Cgia:

Noi non siamo a favore di un’economia controllata dal pubblico. Ci permettiamo di segnalare che le liberalizzazioni hanno portato pochi vantaggi nelle tasche dei consumatori italiani. Anche perché in molti settori si è passati da un monopolio pubblico ad un regime oligarchico che ha tradito i principi legati ai processi di liberalizzazione. Pertanto, invitiamo il Governo Renzi a monitorare con molta attenzione quei settori che prossimamente saranno interessati da processi di deregolamentazione. Non vorremmo che tra qualche anno molti prezzi e tariffe, che prima dei processi di liberalizzazione/privatizzazione erano controllati o comunque tenuti artificiosamente sotto controllo, registrassero aumenti esponenziali con forti ricadute negative per le famiglie e le imprese”.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Giudicate Voi, domenica 11 aprile in onda la dodicesima puntata

Domenica 11 aprile in onda una nuova puntata di “Giudicate Voi” Giudicate voi è il talk show di approfondimento...

Tod’s: Della Valle chiama Chiara Ferragni in Cda

Il gruppo Tod's nomina Chiara Ferragni membro del Cda. Diego della Valle annuncia “la conoscenza di Chiara del mondo...

Morto il principe Filippo

Il principe Filippo d’Edimburgo 99enne consorte della regina Elisabetta, è morto dopo essere stato dimesso dall’ospedale a Londra a causa di una...

Europa League, la Roma trova tutto

Tutto in una sera: testa, cuore, gambe e una bella dose di fortuna. È la vittoria degli ultimi, dei giocatori derisi e...

Commenti recenti