27 Luglio 2021, martedì
Home Italia Economia Conti pubblici: in calo rapporto deficit/pil (6.6%) e pressione fiscale (38.5%)

Conti pubblici: in calo rapporto deficit/pil (6.6%) e pressione fiscale (38.5%)

Rapporto deficit-pil in calo e giù la pressione fiscale. Dall’Istat arrivano, una volta tanto, buone Il rapporto deficit-Pil nel primo trimestre del 2014 è risultato pari al 6,6%, in miglioramento di 0,7 punti percentuali rispetto allo stesso periodo del 2013 (era al 7,3%).

 

Non deve allarmare la distanza del dato dal parametro del 3%. Spiega infatti Repubblica:

Bisogna infatti tenere presente l’andamento del disavanzo nel corso dell’anno. Nel 2013, per intendesi, dopo il -7,7% del primo trimestre il deficit cumulato è sceso al 3,8% nel periodo successivo, quindi al -3,5% e al -2,8% rispettivamente nel terzo e quarto trimestre (vedere tabella in coda al testo). Nell’interpretazione dei dati va inoltre tenuto presente che le serie trimestrali dei conti pubblici sono di tipo grezzo, cioè non depurate della componente stagionale.

Proprio questo elemento spiega in gran parte la forte variabilità nel corso dell’anno dell’indebitamento netto, sul quale si riflettono anche gli effetti dei provvedimenti di politica economica e delle manovre di bilancio. Inoltre, rispetto ai parametri di Maastricht, in questo conteggio non rientrano le operazioni di swap sui titoli di Stato, che ai fini europei sono considerati in tutto e per tutto indebitamento, mentre in questo caso hanno impatto zero.

La pressione fiscale nel primo trimestre del 2014 è invece stata pari al 38,5%, in calo di 0,3 punti percentuali rispetto all’anno precedente, quando, sempre nel primo trimestre, si era attestata al 38,8%. Il dato è positivo ma non deve portare a una lettura troppo ottimistica.

Al contrario di quanto accade per il rapporto deficit/pil  nei primi tre mesi dell’anno la pressione fiscale risulta infatti meno accentuata rispetto ai trimestri successivi. L’andamento, infatti, nella maggior parte dei casi è crescente durante i 12 mesi dell’anno, per toccare i massimi nel quarto trimestre, quando si concentrano le scadenze dei diversi pagamenti.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Per Governo e Quirinale si profilano tre schemi, ma è un gioco tutto aperto

Ci sono almeno tre schemi sui tavoli della politica italiana, e non solo, che disegnano il futuro istituzionale del nostro Paese. I...

Roghi in Sardegna, due focolai ancora attivi.

Sono ancora attivi, ma la situazione sembra essere sotto controllo, due fronti del gigantesco rogo che nelle ultime ore ha devastato il...

Tokyo 2020, la 4 x 100 sl è d’argento: staffetta nella storia

'Italia conquista l'argento alle Olimpiadi di Tokyo 2020 con la staffetta 4x100 stile libero maschile, seconda in finale con il nuovo record...

Afghanistan: migliaia in fuga dai combattimenti a Kandahar

Oltre 22 mila famiglie afghane hanno abbandonato le loro case per sfuggire ai combattimenti nell'ex bastione talebano di Kandahar, hanno affermato oggi...

Commenti recenti