6 Maggio 2021, giovedì
Home News Processo telematico, Cnf: protocollo unico per i tribunali

Processo telematico, Cnf: protocollo unico per i tribunali

Semplificare e fare in modo che le regole procedimentali si adeguino alla giustizia ‘telematica’ in modo da mantenere invariato lo standard di tutela dei diritti della difesa e aumentare l’efficienza della risposta del sistema. Con questo spirito il Cnf ha avanzato una serie di proposte da attuare in via normativa ma anche, in via d’urgenza, tramite l’adozione di un Protocollo uniforme sul territorio nazionale, per rendere garantito il passaggio al digitale, previsto dal 30 giugno, quando diventerà obbligatorio il deposito degli atti del processo civile.

Il deposito degli atti

Interventi, spiega una nota del Cnf, che vanno dal definire il momento dell’avvenuto deposito dell’atto processuale e quello nel quale esso deve essere reso visibile anche alla controparte; o al riconoscere agli avvocati il potere di autenticazione degli atti ‘informatizzati’ e di attestazione di conformità agli originali; e ancora stabilire anche in via tecnica cosa accade se l’atto supera i 30 megabyte.

Le risorse in campo

Dalla carta al bit, la giustizia civile cerca il riscatto dell’efficienza e l’Avvocatura ha già accettato la sfida. Gli organismi di rappresentanza istituzionale, Cnf e Cassa forense, hanno già messo in campo risorse, progetti concreti e proposte per accompagnare gli avvocati nel passaggio al digitale. Il punto è stato fatto nel corso del convegno ‘I Fori fanno Rete’, organizzato da Cnf, Cassa forense e Fiif, fondazione del Cnf incaricata di seguire il progetto Pct, al quale sono intervenuti, tra gli altri, anche i rappresentanti del ministero della Giustizia (Daniela Intravaia, direttore generale dei servizi informativi e Massimo Orlando, magistrato dell’ufficio legislativo), i rappresentanti della Corte di Cassazione e dell’Avvocatura dello Stato.


Una rivoluzione culturale

Tutti i partecipanti sono stati d’accordo nell’evidenziare che la ‘rivoluzione digitale’ nella giustizia è innanzitutto un fatto di ”’cultura e di conoscenza” dal quale si aspettano vantaggio in termini di efficienza di tutti il sistema. Tutti d’accordo, ancora, sul fatto che occorre superare, con il confronto tra i vari protagonisti e le sinergie fattive, le resistenza psicologiche, strutturali, organizzative che dovessero verificarsi.

Il gap da colmare
È un dato emerso nel convegno che nei 16 tribunali nei quali valgono Protocolli stipulati su base volontaria il sistema funziona. ”L’informatizzazione potrà colmare il gap tra alto livello del nostro sistema giuridico e l’inadeguatezza del sistema organizzativo di amministrazione della giustizia”, ha sottolineato il presidente del Cnf Guido Alpa.

Il Cnf, anche con il supporto degli avvocati del gruppo Fiif, la fondazione coordinata da Lucio Del Paggio, hanno predisposto diversi documenti divulgativi, anche video. Del Paggio esprime soddisfazione per la riuscita dell’evento. ”Al convegno si sono iscritti 140 avvocati; e in tanti di più hanno seguito i lavori in streaming, anche presso gli Ordini forensi”.

L’accordo con Cassa forense

Con la Cassa forense è stato siglato l’accordo per dotare gli avvocati degli strumenti necessari al deposito telematico. Daniela Intravaia ha evidenziato che solo l’1% dei tribunali non è pronto, e che il ministero sta lavorando a colmare questo gap.

 

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Che cosa succede quando passa il medico fiscale e non trova il lavoratore?

Se il medico fiscale si reca presso il domicilio indicato senza trovare il lavoratore, lascia un avviso, possibilmente a una persona presente in...

Sospensione cartelle fino al 31 maggio 2021

A cura di Luigi Fabriano Contributo Italia oggi  Per le cartelle e gli atti di accertamento stop alle notifiche fino...

Draghi ai ministri del turismo: ‘da metà maggio pass per viaggi in Italia’

Il presidente del Consiglio Mario Draghi "dalla seconda metà di maggio l'Italia riapre ai turisti: la pandemia ci ha costretto a chiudere,...

Operaia morta sul lavoro, due indagati

Luana D'Orazio, giovane operaia e anche giovane mamma, di un bambino di 5 anni. Viveva a Pistoia, con i genitori e il...

Commenti recenti