22 Giugno 2024, sabato
HomeItaliaEconomiaIl ritorno agli investimenti ICT

Il ritorno agli investimenti ICT

Nel 2014 le banche dedicheranno agli investimenti ICT il 50% in più rispetto ai budget registrati lo scorso anno. È quanto rilevato dal Rapporto ABI Lab “L’evoluzione dell’ICT nelle banche italiane”, in cui sono stati individuati i nuovi trend di investimento. Ma a trainare l’evoluzione tecnologica, questa volta, saranno le piccole realtà bancarie, pronte (per il 62,5% del totale) ad adeguarsi alle innovazioni ICT ampliando significativamente i budget dedicati. Mentre tra le banche grandi e medie solo il 40% ha previsto un rialzo degli investimenti.

Priorità di investimento

Nel mirino degli investimenti ICT da parte delle banche italiane per il 2014 ci sono le iniziative di mobile banking e mobile payment, la dematerializzazione dei processi e l’adeguamento alle nuove Disposizioni di Vigilanza. Se il tema della multicanalità rimane ancora al centro delle attenzioni bancarie, con l’88% delle banche già attive nel fornire app per il mobile banking, dall’altro lato si vede una maggiore propensione al miglioramento dei processi, tanto che l’81% delle banche segnala tra le priorità di investimento la dematerializzazione, soprattutto a livello enterprise e con logiche che guardano a una completa automatizzazione e dematerializzazione dei workflow. A questa tematica si affianca la compliance che, naturalmente, ha un forte impatto anche sugli investimenti: il 2014, difatti, è l’anno della Circolare 263 (cui le banche si dovranno adeguare entro il febbraio del 2015) e le realtà finanziarie stanno già muovendo i primi passi per capire come gestire al meglio gli investimenti finalizzati all’adeguamento normativo.

Priorità di indagine

Intanto, aumentano anche i campi di indagine: business intelligence e business analytics sono tecnologie a cui le banche guardano con interesse, per la loro capacità di fornire un valore aggiunto nei servizi grazie al monitoraggio, al controllo e a una maggiore comprensione dei bisogni del cliente. Seguono mobile banking e mobile payment, sotto la lente di ingrandimento delle banche non solo per investimenti ma anche per indagine. Diverso lo scenario dei big data e del cloud, verso cui non si muovono investimenti bancari, ma si palesa un forte interesse nel comprendere i vantaggi che queste nuove tecnologie potrebbero portare nel mondo finance.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Commenti recenti