24 Maggio 2024, venerdì
HomeNewsRottamazione cartelle all’attivo

Rottamazione cartelle all’attivo

Circa 75 mila contribuenti per un importo complessivo di 300 milioni di euro. Questo il primo bilancio della definizione agevolata delle cartelle esattoriali, reso noto ieri da Equitalia allo scadere della prima settimana successiva all’originaria dead line fissata al 28 febbraio. Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del dl 16/2014, infatti, il termine ultimo stabilito per l’adesione è stato riaperto fino al 31 marzo 2014, così come al 15 aprile è slittata la sospensione della riscossione. Nel dettaglio, la disposizione, introdotta con la legge di Stabilità 2014 prevede la possibilità di pagare, in un’unica soluzione, senza interessi di mora e interessi di ritardata iscrizione a ruolo, le cartelle e gli avvisi di accertamento esecutivi affidati a Equitalia entro il 31 ottobre 2013. Nessun ampliamento all’orizzonte, invece, per la tipologia dei tributi. Non tutti, infatti, possono usufruire della rottamazione delle cartelle. Sono, infatti, escluse le somme dovute per effetto di sentenze di condanna della Corte dei conti, i contributi richiesti dagli enti previdenziali, i tributi locali non riscossi da Equitalia e le richieste di pagamento di enti diversi da quelli ammessi. Rientrano, invece, nell’agevolazione le entrate erariali (Irpef e Iva) e, limitatamente, agli interessi di mora, anche le entrate erariali come il bollo della auto e le multe per violazione del codice della strada.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Commenti recenti