20 Giugno 2024, giovedì
HomeItaliaEconomiaIT, il made in Italy arriva a New York

IT, il made in Italy arriva a New York

Il software italiano sbarca a Manhattan. Dedagroup ICT Network ha stretto un accordo con la National Fedration of Community Development Credit Unions per creare la joint venture Coop Core Develompment (49% di Dedagroup e 51% della NFCDCU) e offrire la soluzione BankUp alle 6.700 Credit Unions dislocate su tutto il Nord America.

LE CREDIT UNIONS VALGONO 500 MILIARDI DI DOLLARI – Dopo l’esperienza in Messico e nell’Europa dell’Est, il Gruppo, già attivo su oltre il 35% del mercato nazionale del credito cooperativo, ha deciso di puntare alle Credit Unions americane che, anche se in fase di razionalizzazione per via della crisi finanziaria del settore, possono contare 90 milioni di soci (pari al 45% della popolazione), 500 miliardi di dollari di attivo gestito e 100 milioni di conti correnti.

LE PRIME ATTIVITA’ – Nel giro di due anni, Dedagroup, tramite la joint venture si occuperà di migliorare l’efficienza delle Credit Unions, integrando la piattaforma di core banking BankUp, aumentandone la competitività grazie a un sistema operativo efficiente, all’integrazione contabile e tecnologica. Ma prima, i passi da assolvere sono diversi: una attenta micro analisi delle realtà locali, così da adattare al meglio la soluzione proprietaria di Dedagroup ICT Network; la revisione dei contratti con i precedenti fornitori delle Credit Unions; l’ideazione di nuove strategie di mercato, per andare a impattare sul segmento degli unbanked, in particolare immigrati provenienti dal Sud America, e la possibilità di nuove acquisizioni per le Credit Unions.

QUATTRO CREDIT UNIONS PILOTA – Intanto, quattro Credit Unions stanno già facendo da pilota nell’adozione di BankUp: due collocate in Louisiana e altre due (di dimensioni diverse) a New York.

APPOGGIO DI SIMEST – Inoltre, come già accaduto per il progetto di espansione di Dedagroup in Messico con Dedamex, Simest ha annunciato la sua disponibilità a valutare la possibilità di offrire un appoggio reale allo sbarco della software house italiana negli Stati Uniti.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Commenti recenti