21 Maggio 2024, martedì
HomeNewsAbrogata la webtax. Cartelle, sanatoria al 31/3

Abrogata la webtax. Cartelle, sanatoria al 31/3

Abrogata la webtax. Dal primo marzo nessun operatore del web straniero dovrà aprire la partita Iva italiana. La cancellazione, contenuta nel decreto legge sulla finanza locale, approvato ieri dal consiglio dei ministri, si desume dalla lettera della nota di palazzo chigi che sul punto ha precisato: «rispetto alla norma precedentemente prevista, viene abrogata la norma della legge di stabilità che prevedeva la web tax». Una scelta più radicale rispetto al testo delle bozze circolate ieri che, invece, parlavano di una sospensione della norma in attesa di verifica di compatibilità con il diritto dell’Unione europea. Il testo però citava solo il comma 33 della legge di stabilità che faceva riferimento alla partita Iva. Resterebbero in vigore, dunque, le disposizioni che obbligano ai criteri di calcolo del reddito più restrittivi (legge stabilità comma 177-178) . Nel decreto legge, inoltre, è stata salvata la proroga sulla sanatoria delle cartelle esattoriali. Si potrà sanare la propria posizione fino al 31 marzo. Inoltre la disposizione interviene sul termine collegato della sospensione della riscossione. Non solo, dunque, si potranno rottamare le proprie cartelle entro il 31 marzo (il termine della legge di stabilità 2013 scadeva il 28 febbraio) rivolgendosi agli sportelli di Equitalia ma la riscossione resterà sospesa fino al 15 aprile 2014 (il termine originario era fino al 15 marzo 2014). I contribuenti interessati dovranno attivarsi personalmente presso Equitalia e resta invariata la modalità di pagamento: in unica soluzione.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Commenti recenti