5 Marzo 2024, martedì
HomeItaliaEconomiaPER LA TUTELA DEI DIRITTI DEGLI INDIGENTI. PRO BONO PUBLICO OBBLIGATORIO.

PER LA TUTELA DEI DIRITTI DEGLI INDIGENTI. PRO BONO PUBLICO OBBLIGATORIO.

«Non è possibile che nel 2014 gli indigenti muoiano per i denti o sono detenuti pur innocenti. Se i comunisti da 70 anni non lo hanno ancora fatto, propongo io la panacea di questi mali.»

Così afferma il dr Antonio Giangrande, noto saggista di fama mondiale e presidente dell’Associazione Contro Tutte le Mafie, sodalizio antimafia riconosciuto dal Ministero dell’Interno. Associazione fuori dal coro e fuori dai circuiti foraggiati dai finanziamenti pubblici.

«Al fine di rendere effettivo l’accesso ai servizi sanitari e legali a tutti gli indigenti, senza troppi oneri per le categorie professionali interessate, presento ai parlamentari, degni di questo incarico, questa mia proposta di legge:

PER LA TUTELA DEI DIRITTI DEGLI INDIGENTI

PRO BONO PUBLICO OBBLIGATORIO

“Per tutelare i diritti dei non abbienti si obbliga, a mo’ di PRO BONO PUBLICA, gli esercenti un servizio di pubblica necessità, ai sensi dell’art.359 c.p., a destinare il 20 % della loro attività o volume di affari al servizio gratuito a favore degli indigenti.

E’ indigente chi percepisce un reddito netto non maggiore di 1.000 euro, rivalutato annualmente in base all’inflazione.

L’onere ricade sulla collettività, quindi, ai fini fiscali e contributivi, ogni attività pro bono publica, contabilizzata con il minimo della tariffa professionale, è dedotta dal reddito complessivo.

Sono abrogate le disposizioni di legge o di regolamenti incompatibili con la presente legge.”

Dr Antonio Giangrande

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Commenti recenti