15 Maggio 2021, sabato
Home Italia Economia Il Cud 2014 è a prova di errori

Il Cud 2014 è a prova di errori

Pronti i modelli Cud e 770 Semplificato per l’anno 2013. Sul sito internet dell’Agenzia delle entrate (sezione «modelli in bozza») sono state pubblicate ieri le bozze dei modelli da utilizzare nel 2014 con le relative istruzioni. Il primo servirà ai datori di lavoro a certificare ai fini fiscali e contributivi i redditi di lavoro dipendente e assimilato erogati nel corso del corrente anno; il secondo servirà ai sostituti d’imposta per comunicare alla stessa Agenzia delle entrate i dati fiscali relative alle ritenute operate sempre nel corrente anno. Nuovi campi per le detrazioni fiscali, per le addizionali comunali e per lo stop dei versamenti in Sardegna le principali novità.
Il Cud/2014. La certificazione unica dei redditi (in sigla Cud) di lavoro dipendente, equiparati e assimilati deve essere consegnata, in duplice copia, al contribuente (dipendente, pensionato, percettore di redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente) dai datori di lavoro o enti eroganti pensioni. Il termine ordinario è il 28 febbraio dell’anno successivo a quello di riferimento (quindi 28 febbraio 2014 per il prossimo appuntamento); ma in caso di cessazione del rapporto di lavoro il termine di consegna si riduce al dodicesimo giorno successivo alla richiesta da parte del dipendente.
Tra le novità, la bozza del Cud/2014 prevede una nuova annotazione con cui il sostituto d’imposta comunica al dipendente, con rapporto di lavoro a tempo inferiore all’anno solare, di aver applicato le detrazioni per carichi di famiglia solo per il periodo nel quale si è svolto il rapporto di lavoro.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Più di 70 mila imprese rischiano di chiudere, quasi 20 mila al Sud

Sono a forte rischio di espulsione dal mercato 73.200 imprese italiane tra 5 e 499 addetti, il 15% del totale, di cui quasi...

COMUNICATO STAMPA

PREMIO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE PER LA POESIA E LA NARRATIVA“MARIA DICORATO” L’Associazione Pro(getto) Scena Edition ETS nasce con l’obiettivo...

Draghi:”Bisogna investire sulle donne e sulla possibilità di avere figli”

"Un'Italia senza figli è un'Italia che non crede e non progetta. È un'Italia destinata lentamente a invecchiare e scomparire.

Commenti recenti