6 Maggio 2021, giovedì
Home Italia Economia BIANCO, ROSSO, LIBERO – Vini e Storie. Quando nelle trame del vino...

BIANCO, ROSSO, LIBERO – Vini e Storie. Quando nelle trame del vino sboccia la libertà.

La vita, a voler che sia bella, a voler che sia gaia, a voler che sia vita, dev’essere un arcobaleno,
– una tavolozza con tutti i colori, – un sabato dove ballano tutte le streghe. Il sollazzo e la
noia, il pianto e il riso, la ragione e il delirio, tutti devono avere un biglietto per questo festino.
Carlo Bini, Manoscritto di un prigioniero, 1833
C’è una trama più o meno leggera in tutte le cose. Le stoffe, la pelle, le borse, i cieli. Le vite. Bianco, rosso,
libero – vini e storie è un progetto solidale che vuole dare voce a quelle trame.
Nasce dall’incontro tra Wine Bank Italia, società e-commerce dedicata al mondo del vino e Sapori Reclusi,
associazione che raccoglie storie di uomini e donne nascosti agli occhi dei più.
Sapori Reclusi offre uno spazio a storie di vite vissute ai margini, storie vere, crude nella loro semplicità, di
persone che vivono la vita a tutto tondo, facendo scelte spesso estreme. Il cibo si fa pretesto per entrare
dove solitamente ci sono barriere fisiche e mentali, porte chiuse, stereotipi e preconcetti, per superarli e
mettere in luce realtà che vivono nell’ombra.
La comunicazione resta il vero obiettivo poiché, nonostante questo sia il secolo della tecnologia e della
comunicazione, spesso viene a mancare lo scambio di parole, storie ed idee. Comunicare vuol dire ascoltare
e capire gli altri: talvolta però, i mezzi per farsi ascoltare non sono alla portata di tutti. Favorire questo
processo è ciò che Sapori Reclusi s’impegna a fare, con modalità diverse, ma con il fine ultimo di mettere in
contatto elementi nascosti della società.
Davide Dutto, fotografo professionista, ha cominciato nel mondo dello sport per poi ritornare a un’antica
passione, il cibo, e a una realtà scomoda, le carceri. Nel 2005, con la pubblicazione del libro “Il Gambero
Nero, ricette dal carcere” insieme a Michele Marziani, inizia il percorso che fa nascere Sapori Reclusi. Il
libro racconta dei detenuti che cucinano nelle proprie celle, delle loro ricette e delle difficoltà quotidiane.
Nel 2010, invece, varca il confine del “dentro-fuori”, portando in carcere sette importanti nomi della cucina
italiana (Alciati, Palluda, Ghigo, Ribaldone, Reina, Demaria e Campogrande) e dando vita ad un laboratorio
di foto-gastronomia con detenuti e cuochi. Storie di uomini, storie con gusti e odori diversi, raccontate con
scatti fotografici e ricette multietniche.

Molti i progetti in via di sviluppo: “Le cucine nascoste”, dove partendo dai fornelli di vari conventi,
monasteri e cucine di eremiti si raccontano scelte di vita e di religiosità estreme attraverso il punto di vista
della persona e non del religioso; “Pure ‘n carcere ‘o sanno fa’”, una mostra fotografica che si sviluppa
attorno al rito della preparazione di una tazzina di caffè e della sua condivisione, attraverso le storie di
alcuni detenuti; “Stampatingalera”, un progetto di formazione per il reinserimento professionale dei
detenuti, attraverso corsi di fotografia, grafica, comunicazione e stampa, per arrivare all’allestimento di un
centro specializzato di stampa fine art dentro il carcere. E ancora “La Squadra” dove una trentina di
detenuti nel ruolo di attori, tecnici e addetti al back stage diventano protagonisti nel cortometraggio del
regista Davide Sordella e “Face to face”, un progetto fotografico in collaborazione con il Museo di
Antropologia Criminale di Torino, il Polo Museale e l’ufficio comunicazione del Ministero di Grazia e
Giustizia, per affrontare il tema del pregiudizio sulla faccia da delinquente, vivo più che mai.
“Bianco, rosso, libero – vini e storie”
In quest’occasione, il partner è Wine Bank Italia, azienda specializzata nella commercializzazione di vini e
champagne di alta gamma, con un focus specifico sull’estremo oriente e sulle aste internazionali per
collezionisti privati. 20.000 etichette di pregio e una forte specializzazione in vini da invecchiamento e da
collezione. Il progetto nasce una mattina di giugno, ad Invorio, tra il Lago d’Orta e il Lago Maggiore. Qui,
intorno a un tavolo (Lapalisse!), Wine Bank Italia e Sapori Reclusi s’incontrano e, partendo dai rispettivi
campi d’azione, organizzano un’operazione commerciale, capace di rispondere a differenti finalità,
economiche, sociali, di comunicazione.
Protagonista del progetto quello che Sepulveda chiamava “la manifestazione liquida del silenzio”, il vino
appunto, di una terra che ben lo conosce e ama, il basso Piemonte. 10.000 bottiglie di Cortese dell’Alto
Monferrato e Barbera d’Asti Doc della Tenuta Garetto di Agliano Terme, una cantina che da più di un secolo
si dedica all’attività vitivinicola su oltre 18 ettari di terreno esposto a Sud. Le bottiglie saranno
commercializzate con il marchio di Sapori Reclusi e dalla vendita verrà ricavata una quota da destinare
all’Associazione e ai progetti di reinserimento dei detenuti, sensibilizzazione sociale e comunicazione.
I racconti e le loro autrici
Per comunicare bene, come per bere bene, occorre saper trasmettere delle emozioni. Per questo ogni
bottiglia è raccontata da un libretto di parole e immagini, in cui prendono vita storie e scatti fotografici
originali ambientati in quel mondo del carcere a cui Sapori Reclusi dedica da oltre 10 anni attenzione e
impegno.
Due le autrici dei libretti, Manuela Iannetti e Giulia Grimaldi. Si sono fatte testimoni di storie reali, lineari
nella loro complessità e crudezza, per dare vita a una lente d’ingrandimento di trame a volte troppo fitte
per essere solo ascoltate o immaginate. Come la trama piena di vita (e di morte) nel racconto “La prima

volta che sono morto”, la storia di C.L.R., morto mille volte in questa vita e “rinato sempre dalla parte
sbagliata” scegliendo in coscienza quella vita “balorda”. O la trama di Josè ne “L’ultimo caffè”, fatta di
ricordi lontani della Cuba del Che e della semplicità dell’amore di un padre, che non si scorda, come l’aroma
del caffè al limone. E infine il ritmo lento e doloroso nella trama di “Un salto” scandito di “uno, due”, in una
conta senza fine che si perde nell’attesa.
Manuela Iannetti
Nata nel 1976, scrive racconti, articoli, reportage. Editor e caporedattrice, da oltre 10 anni si occupa di
editoria. Dal 2004 al 2013 ha diretto il settore editoriale di un’agenzia di comunicazione torinese seguendo
l’ideazione, la redazione e il coordinamento di progetti in e off line e curando la revisione dei contenuti per
diverse case editrici italiane. Formata nella vertiginosa stagione dei collaterali in edicola con i principali
quotidiani nazionali, dal 2011 scrive per Globalist.it e collabora con l’Associazione Artifizio di Quartu
Sant’Elena (Ca) per cui segue l’organizzazione di eventi culturali. Da quando ha conosciuto Sapori Reclusi,
non ha più potuto farne a meno e da inizio 2013 ne scrive e ne cura contenuti e progetti. “Bianco, rosso,
libero – vini e storie” è la prima avventura che la vede coinvolta come autrice delle storie dal carcere che
rivivono nei libretti abbinati al progetto.
Giulia Grimaldi
Nasce nel 1985 in provincia di Cuneo. Ha studiato e vissuto in Francia, Danimarca, Olanda e Inghilterra,
viaggiando, scrivendo e servendo ai tavoli. Tornata in Piemonte, cerca di inventare un mondo adatto a lei,
attraversando le pieghe di questo passaggio storico con entusiasmo e allegria.
Diplomata al master in storytelling della Scuola Holden, insegna inglese e collabora con Sapori Reclusi,
contribuendo alla diffusione dei temi dell’Associazione attraverso gli innumerevoli progetti culturali e
artistici di sensibilizzazione. Per “Bianco, rosso, libero – vini e storie” è scesa in prima linea, contribuendo
alla realizzazione del progetto e come autrice delle storie che ne costituiscono il cuore pulsante.
Una cassetta di legno, tre bottiglie, tre storie: ecco il kit di “Bianco, rosso, libero”. Così Sapori Reclusi
racconta e si racconta, condividendo un’esperienza di profumi e gusto nel segno di tre concetti chiave:
rinascita, possibilità, nuove libertà.
I PRODUTTORI
Le bottiglie con il marchio di Sapori Reclusi sono prodotte da:
Tenuta Garetto
S.S. Asti-Mare, 30 – 14041 Agliano Terme (AT)
Tel. 0141 954068 – Fax 0141 062609
www.tenutagaretto.it
tenutagaretto@garetto.it
I DISTRIBUTORI
La distribuzione del prodotto per ristoranti, enoteche, rivenditori è gestita da:
LE VIE DEL CALICE srl

via Svezia, 3 – 00040 Pomezia (Roma)
tel +39 3939469819
www.leviedelcalice.it
info@leviedelcalice.it
Le bottiglie sono proposte in due formati:
1. cassetta in legno con 3 bottiglie, 2 di Barbera d’Asti doc e 1 di Cortese dell’Alto Monferrato, ognuna
con allegato un racconto
euro 47,50 + IVA senza addebito di spese di spedizione
2. confezione composta da 6 bottiglie, 4 di Barbera d’Asti doc e 2 di Cortese dell’Alto Monferrato,
ognuna con allegato un racconto
euro 76,00 + IVA senza addebito di spese di spedizione (imballo securbox che consente la massima
sicurezza nei trasporti)
I privati possono acquistare le cassette online, accedendo al sito di Wine Bank Italia
www.winebankitalia.com o recandosi nei migliori punti vendita in Italia.
Info e contatti
Sapori Reclusi
www.saporireclusi.org
comunicazione@saporireclusi.org
Chiara Avidano @chiaravidano
Manuela Iannetti @manuela.iannetti

Previous articleLa Tunisia ci riprova
Next articleBIANCOROSSOLIBERO
Sponsorizzato

Ultime Notizie

Elisa Isoardi: “Ecco perché all’Isola non mi sono messa subito in bikini…”

Il dettaglio non era sfuggito ai telespettatori dell’ isola dei famosi  e ai fan di Elisa Isoardi: tra le concorrenti più attese di...

Recovery, il testo del Pnrr pubblicato dal governo.

  E' stato pubblicato sul sito di palazzo Chigi il testo del Pnrr trasmesso dal governo italiano alla Commissione europea, ecco alcune delle...

Addio Nick Kamen, icona degli anni ’80

È morto la scorsa notte, a 59 anni, l’ex modello e cantautore britannico, Nick Kamen. Combatteva dal 2018 contro un brutto male....

L’omicidio di Mario Cerciello Rega, ergastolo per Elder e Hjorth

Una vicenda nata dopo che i due americani, in cerca di droga a Trastevere, avevano rubato lo zaino del facilitatore dei pusher...

Commenti recenti