6 Maggio 2021, giovedì
Home News Missione compiuta: riapre l'oratorio dell'Aquila grazie alla solidarietà

Missione compiuta: riapre l’oratorio dell’Aquila grazie alla solidarietà

Lunedì 14 ottobre  è un grande giorno per i bambini e i ragazzi dell’Aquila. Riapre, grazie alle donazioni dei lettori di Libero e alla onlus Enel Cuore, il principale polo di aggregazione giovanile della città, vale a dire l’oratorio Don Bosco. Occasione per  fare un passo finalmente concreto oltre macerie e muri pericolanti.  Ricordiamo tutti, con immutato sconcerto, il terremoto che colpì il capoluogo abruzzese quel maledetto 6 aprile del 2009. Quando la natura  ruggì dalle viscere della terra, abbattendo  centinaia di edifici e schiacciando uomini come  pedine nelle sue mani.  Ma non è così facile intimorirci. Abbiamo fatto quel che da secoli riesce meglio a noi uomini, anche se troppo spesso ce ne dimentichiamo: ci siamo uniti, facendoci forza. Visto che, come dice Sofocle, «l’opera umana più bella è di essere utile al prossimo», mattone dopo mattone e anno dopo anno  la città sta rinascendo, sia pur fra troppe difficoltà.

Struttura storica In questo senso, proprio a Libero siamo orgogliosi di questa nostra iniziativa che ha raggiunto l’obiettivo. Una  raccolta fondi per appunto ricostruire uno dei tanti edifici danneggiati, l’oratoriosalesiano Don Bosco. Proprio grazie alla generosità di voi  lettori sono stati raccolti 2 milioni di euro. Con i quali l’oratorio, storica struttura gestita dal 1935 dall’Opera Salesiana San Giovanni Bosco, sarà inaugurato domani. Alla cerimonia parteciperanno il direttore del quotidiano Maurizio Belpietro, il presidente di Editoriale Libero srl Arnaldo Rossi, il sindaco della città dell’Aquila Massimo Cialente, il presidente della Provincia Antonio Del Corvo, e poi il responsabile relazioni esterne territoriali Enel Massimo Bruno e il segretario Generale di Enel Cuore Onlus, Novella Pellegrini – quest’ultima è la onlus di Enel che, impegnata da dieci anni nel campo della solidarietà sociale, ha sostenuto il progetto con un contributo di 600 mila euro. Missione compiuta, dunque. Ed è importante non solo perché l’oratorio Don Bosco è il primo centro aggregativo destinato ai giovani ad essere riaperto dopo il sisma, ma  soprattutto  lo è per ognuno di quei ragazzi che in una notte ha  visto crollare la propria città – e magari con lei familiari, amici e tutto ciò in cui credevano. Negli anni seguenti, la preziosa opera educativa dei Salesiani è stata portata avanti in ambienti e con attrezzature provvisorie grazie all’aiuto di collaboratori e volontari. Ma finalmente da domani il centro di aggregazione e educazione può tornare a vivere nella sua sede storica, in via San Giovanni Bosco numero 6.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Elisa Isoardi: “Ecco perché all’Isola non mi sono messa subito in bikini…”

Il dettaglio non era sfuggito ai telespettatori dell’ isola dei famosi  e ai fan di Elisa Isoardi: tra le concorrenti più attese di...

Recovery, il testo del Pnrr pubblicato dal governo.

  E' stato pubblicato sul sito di palazzo Chigi il testo del Pnrr trasmesso dal governo italiano alla Commissione europea, ecco alcune delle...

Addio Nick Kamen, icona degli anni ’80

È morto la scorsa notte, a 59 anni, l’ex modello e cantautore britannico, Nick Kamen. Combatteva dal 2018 contro un brutto male....

L’omicidio di Mario Cerciello Rega, ergastolo per Elder e Hjorth

Una vicenda nata dopo che i due americani, in cerca di droga a Trastevere, avevano rubato lo zaino del facilitatore dei pusher...

Commenti recenti