15 Maggio 2021, sabato
Home News Il grande successo del libro "Come risanare il debito pubblico senza chiedere...

Il grande successo del libro “Come risanare il debito pubblico senza chiedere un euro ai cittadini” (casa editrice DREAMS ENTERTAINEMENT)

comerisanare il debito pubblico (1)Procede con grande successo di adesioni e di pubblico la presentazione del libro “Come risanare il debito pubblico senza chiedere un euro ai cittadini” edito dalla casa editrice DREAMS ENTERTAINEMENT e scritto da due autori non molto conosciuti ma che cominciano a farsi apprezzare il prof. Giuseppe Catapano rettore della Università Popolare degli Studi di Milano e direttore dell’Osservatorio Europeo e l’avvocato tarantino Michele Imperio.
Il libro avanza una interessante proposta per contenere e abbattere il debito pubblico e poi per abbattere la pressione fiscale. Seocndo gli autori bisognerebbe concedere una indipendenza politica per un limitato numero di anni di alcuni territori del Nord del centro e del sud del paese, particolarmente produttivi così come avvenne per la città di Honk Konk dal 1898 al 1997 che si rese indipendente dalla Cina comunista per il tempo limitato di cento anni, attraverso un trattato fra Cina e Gran Bretagna. Diventati inmdipendenti questi territori dovrebero costituire delle proprie banche centrali, commutare parte del debito publico nazionale in azioni di queste nuove banche centali, praticare uan limitata polica monetaria espansiva ma sopratutto emettere una sorta di regional bond a infimo tasso di interesse (trattandosi di territori che non hanno aderito al patto di Maastrich e che partono da debito zero) e questo – secondo gli autori – porterebbe il tasso di interesse del nostro debito pubblico dall’attuale 4,30% all’1% e quindi queste operazioni risolverebbe il problema del contenimento del debito pubblico, quello dell’abattimento del debito e anche il problema dela riduzione della pressione fiscale a aprtire dale regioni indipendenti lke quali potrebero praticare il fisco federale come già avviene nel Trentino Alto Adige e ennal val d’Aosta. Analoghi obiettivi si otterrebbero anche con altre iniziative a sfondo geopolitico meglio descritte nel libro.

Dopo la prima manifestazione di Brescia alla quale è intervenuto l’assessore al bilancio del comune di Montichiari, già vicepresidente della provincia di Brescia Massimo Gelmini, il quale si è detto entusiasta dell’idea, il libro è stato nuovamente presentato ieri sera alla fiera campionaria di Eboli con il patrocinio dell’amminsitrazione comunale diretta dal sindaco Martino Melchionda e che è stata rappresentata nella manifestazione dall’assesore al bilancio Adolfo Lavorgna, il quale ha entusisticamente aderito al progetto.lavorgna

La manifestazione sarà ripetuta a Taranto il 15 ottobre 2013 alle ore 19.00 presso la sala-convegni del bar Poseydon il 18 ottobre 2013 alle ore 17.00 a Napoli presso la sala convegni del bar la Caffetteria (Piazza dei Martiri) e alle ore 20.00 a Pompei presso la sala convegni del ristorante Primo Amore (via Lepanto) nonché ancora il 26 ottobre 2013 a Praia a Mare (provincia di Cosenza).
Altre manifestazioni sono in corso di organizzazione a Bari, a Lecce e a Milano. Il 6 novembre p.v. gli autori saranno ascoltati a Roma dinanzi la Commissione Parlamentare per le riforme. Un grosso net-work nazionale della Rai si è interessato all’idea e sta preparando una trasmissione ad hoc.
Ovunque finora è stato presentato sia in sede istituzionale che nelle sedi periferiche il libro ha registrato positive adesioni in quanto l’idea, benchè originale, viene giudicata fattibile e foriera finalmente di prospettive di crescite e di sviluppo dell’intero paese.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Più di 70 mila imprese rischiano di chiudere, quasi 20 mila al Sud

Sono a forte rischio di espulsione dal mercato 73.200 imprese italiane tra 5 e 499 addetti, il 15% del totale, di cui quasi...

COMUNICATO STAMPA

PREMIO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE PER LA POESIA E LA NARRATIVA“MARIA DICORATO” L’Associazione Pro(getto) Scena Edition ETS nasce con l’obiettivo...

Draghi:”Bisogna investire sulle donne e sulla possibilità di avere figli”

"Un'Italia senza figli è un'Italia che non crede e non progetta. È un'Italia destinata lentamente a invecchiare e scomparire.

Commenti recenti