12 Maggio 2021, mercoledì
Home Italia Economia Il dirigente sbaglia strategia? Non è responsabile

Il dirigente sbaglia strategia? Non è responsabile

Non è responsabile per il mancato raggiungimento del risultato atteso, il manager di una società che fa scelte strategiche rivelatesi poi errate, se ha agito con la diligenza richiesta in riferimento sia alla sua qualifica professionale sia alla natura e alla difficoltà delle incombenze affidategli.
E’ quanto ribadito dalla sezione Lavoro della Corte di Cassazione nella recente sentenza n. 22965 del 9 ottobre scorso.

L’inosservanza dei doveri di diligenza comporta non solo l’applicazione di eventuali sanzioni disciplinari, ma anche l’obbligo del risarcimento del danno cagionato all’azienda per responsabilità contrattuale. Tuttavia, poiché non è possibile addossare al lavoratore subordinato una responsabilità che costituisca assunzione del rischio proprio dell’attività svolta dallo imprenditore, l’indagine relativa deve essere diretta ad accertare se l’evento dannoso subito dall’azienda sia correlato ad una condotta colposa del prestatore d’opera, se cioè si sia in presenza di un casus culpa determinatus ricollegabile, sulla base di un rapporto di causalità, ad una condotta colposa del dipendente sotto i profili della negligenza, dell’imprudenza o della violazione di specifici obblighi contrattuali o istruzioni legittimamente impartitegli dal datore di lavoro. Come criterio direttivo di tale indagine non può assumersi il parametro generale e costante della diligenza dell’uomo medio, ma occorre, invece, valutare la diligenza del dipendente in riferimento sia alla sua qualifica professionale sia alla natura delle incombenze affidategli, ed alle particolari difficoltà presentate dall’espletamento di queste (in tal senso, Cass. 1037 del 1977).”

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Il matrimonio in crisi con la pandemia

Il covid e il lockdown hanno messo e stanno mettendo a dura prova la tenuta della famiglia italiana. ...

Ue: l’Italia potrebbe crescere del 4,2 % quest’anno

Dalle previsioni economiche di primavera pubblicate dalla Commissione europea nel 2021 il Pil dell'Italia crescerà del 4,2% nel 2021 e del 4,4%...

Italia si, Italia no: le nuove forme di turismo, dalle protesi ai vaccini

Il turismo ha assunto nell’ultimo ventennio un’accezione sempre più variegata con particolare riferimento alle opportunità ed ai vantaggi che questo stesso offre....

Amministrative Letta: “A Torino e Roma nessuna possibilità di convergenza Pd-M5S”

Il segretario dem: "Due città dove nel 2016 il Pd ha straperso e dove sono andate al governo due sindache sul cui...

Commenti recenti