23 Febbraio 2024, venerdì
HomeConsulente di StradaQuando cancellare i dati di condomini?

Quando cancellare i dati di condomini?

A cura di Federica Rapone – Amministratore ordinario e giudiziale
Secondo il principio di minimizzazione, una volta venuta meno la finalità del trattamento dei dati, il titolare del trattamento deve cessare l’utilizzo dei dati e rispettare il diritto dell’interessato alla cancellazione.
In pratica, se i dati non sono più necessari per lo scopo per cui sono stati raccolti, come nel caso di un cambio di amministratore di condominio di condominio, i condomini possono richiedere la loro cancellazione.
Il titolare dei dati fa parte del condominio non può certo chiedere la cancellazione dei suoi dati dall’anagrafica condominiale, in quanto obbligatoria ed essenziale per esercitare tutte le funzioni connesse all’amministrazione.
E’ fondamentale che l’amministratore rispetti le normative sulla privacy, deve garantire la sicurezza dei dati personali dei condomini, deve adottare tutte le misure necessarie per prevenire che dati “sensibili” cadano nelle mani di terzi non autorizzati.
L’amministratore deve quindi esercitare la massima cautela nel gestire e comunicare informazioni di natura delicata o potenzialmente dannosa.

Federica Rapone
Amministratore ordinario e giudiziale Tribunale di Cassino.
Formatore e cultore della materia presso l’Università di Cassino e del Lazio Meridionale.
Articolista di diritto condominiale.
Master in Psicologia giuridico e forense.
Autore del libro “Stress da Condominio”.


.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Commenti recenti