23 Febbraio 2024, venerdì
HomeL'Opinione"Luce della Fede: Il Cammino di Maria Nivea Costa nell'Infinito"

“Luce della Fede: Il Cammino di Maria Nivea Costa nell’Infinito”

A cura di Ionela Polinciuc

Nell’ineffabile sinfonia dell’esistenza, alcune anime sorgono come farfalle di luce, incarnazioni di un dono antico che sfida la comprensione umana. Tra queste anime illuminate, ho avuto il privilegio di incontrare Maria. Un’anima dolce, con un cuore immenso, pronta ad emergersi come un faro nell’oscurità, una guida verso l’arcano segreto della riconciliazione interiore.
Il suo essere è permeato dalla consapevolezza delle vibrazioni universali, intessute nella trama stessa dell’universo. Attraverso il delicato tocco delle sue mani, Maria apre le porte dell’anima, dissolvendo le barriere energetiche che imprigionano la nostra essenza. I suoi trattamenti non sono solo cure per il corpo, ma pellegrinaggi verso il nucleo stesso dell’essere, dove risiedono i flussi vitali dell’armonia cosmica.
Nel mio ardente desiderio di comprendere il mistero che avvolge il suo operato, ho intrapreso un viaggio su binari di ferro, seguendo il richiamo dell’eterna sapienza. Ho abbracciato l’emozione del pellegrinaggio verso casa sua, conscia che ogni passo avrebbe risvegliato la mia anima a una nuova comprensione dell’universo e del suo ordine segreto.

Buongiorno Maria e grazie per aver accettato di conversare con me. Inizio subito a chiederti una cosa fondamentale: Come migliorare la nostra capacità di connetterci con l’energia spirituale e come può aiutarci a trovare un senso di equilibrio, gioia e pace?

La ricerca della connessione con l’energia spirituale è un viaggio interiore che richiede impegno, consapevolezza ed il proprio sentire. Per migliorare la nostra capacità di connessione con questa energia, dobbiamo prima accettare la nostra natura spirituale e aprirci alla possibilità di esplorare dimensioni più profonde della realtà.
La pratica della meditazione e della contemplazione ci consente di sintonizzarci con il nostro sé interiore, di ascoltare la voce della nostra anima e di percepire la presenza dell’energia spirituale che permea tutto ciò che esiste. Attraverso la meditazione, impariamo a quietare la mente e a entrare in uno stato di consapevolezza e presenza, permettendo all’energia spirituale di fluire liberamente attraverso di noi.
Inoltre, la connessione con l’energia spirituale ci aiuta a trovare un senso di equilibrio, gioia e pace interiore. Quando siamo in armonia con la nostra dimensione spirituale, sperimentiamo una profonda sensazione di serenità e benessere, indipendentemente dalle circostanze esterne. Ciò ci consente di affrontare le sfide della vita con calma e resilienza, sapendo che siamo parte di qualcosa di più grande e che siamo sostenuti dall’universo stesso.
La connessione con l’energia spirituale ci apre anche alla bellezza e alla meraviglia del mondo che ci circonda, permettendoci di apprezzare ogni istante della vita e di trovare gioia nelle piccole cose. Ci fa sentire parte di un tutto più ampio, collegati a ogni forma di vita e a ogni essere umano con un legame invisibile ma potente.
Quindi, per migliorare la nostra capacità di connetterci con l’energia spirituale e trovare equilibrio, gioia e pace, dobbiamo praticare la consapevolezza, la meditazione e la gratitudine. Attraverso queste pratiche, possiamo aprire il nostro cuore e la nostra mente alla bellezza e alla saggezza dell’universo, permettendo all’energia spirituale di fluire liberamente attraverso di noi e trasformando la nostra esistenza in un viaggio di crescita, realizzazione e amore.

Uno dei modi migliori per connettersi con la nostra energia spirituale?

Uno dei modi più profondi per connettersi con la propria energia spirituale è attraverso la pratica della contemplazione e della riflessione interiore. In questo processo, l’individuo si immerge nell’introspezione, esplorando i recessi più profondi della propria coscienza e sondando la natura dell’esistenza stessa.
La pratica contemplativa richiede una volontà di esplorare la propria interiorità con sincerità e apertura mentale. È un atto di esplorazione filosofica che va oltre la superficie delle cose, oltre le apparenze e le convenzioni sociali, per raggiungere la verità più autentica dell’essere.
Attraverso la contemplazione, ci avventuriamo nel regno dell’essenza, in cerca della fonte primordiale della nostra esistenza e della coscienza stessa. È un viaggio interiore che ci porta a confrontarci con le grandi domande della vita: chi siamo veramente, qual è il nostro scopo, qual è il significato ultimo dell’esistenza umana.
Nel silenzio della contemplazione, possiamo sperimentare un senso di unità con l’universo, sentendoci parte di un tutto più grande e immersi in un flusso di energia cosmica che permea ogni forma di vita. È in questo stato di connessione profonda che possiamo percepire la presenza dell’energia spirituale che anima l’universo e tutte le sue manifestazioni.
La pratica contemplativa ci permette di superare i limiti della mente razionale e di entrare in contatto con la dimensione trascendente della realtà. È un’esperienza che va al di là delle parole e dei concetti, che sfida le categorie del pensiero ordinario e ci apre a una comprensione più profonda della nostra esistenza e del mondo che ci circonda.
Attraverso la contemplazione, possiamo trovare risposte alle domande più profonde dell’anima e scoprire la nostra vera natura spirituale. È un viaggio di scoperta e di trasformazione che ci porta verso una consapevolezza più elevata e una connessione più profonda con il mistero della vita stessa.

Come riempire la propria vita di energia positiva e sbloccare il tuo massimo potenziale, per una visione più positiva della vita?

Per riempire la propria vita di energia positiva e sbloccare il massimo potenziale, occorre abbracciare la consapevolezza del momento presente e coltivare l’amore e la gratitudine per tutto ciò che ci circonda. Attraverso la pratica della consapevolezza, possiamo liberare il nostro spirito dalle catene del passato e dalle preoccupazioni del futuro, trovando così la forza interiore per affrontare ogni sfida con serenità e determinazione. La visione più positiva della vita si manifesta quando apriamo il cuore alla bellezza del mondo e ci connettiamo con l’essenza più profonda della nostra esistenza, celebrando ogni istante come un dono prezioso e un’opportunità per crescere e fiorire.
Come proteggere la propria energia spirituale?

Proteggere la propria energia spirituale richiede un’attenzione costante alla qualità delle interazioni, delle esperienze e dei pensieri che accogliamo nella nostra sfera emotiva e mentale. È un atto di consapevolezza profonda che implica la capacità di discernere ciò che nutre e rafforza il nostro essere interiore da ciò che lo svuota o lo destabilizza. Attraverso la pratica della riflessione, della meditazione e del discernimento, possiamo sviluppare un confine protettivo intorno alla nostra essenza, consentendo solo l’ingresso di energie e vibrazioni che ci elevano e ci ispirano verso la crescita spirituale. È un viaggio di autenticità e integrità, in cui riconosciamo la sacralità della nostra energia interiore e ci impegniamo a custodirla con cura e rispetto, poiché è la fonte stessa della nostra vitalità e realizzazione.

Come gestire la propria energia?

Gestire la propria energia è un’arte sottile che richiede un profondo rispetto per l’equilibrio interno e per l’armonia con l’universo. È un’opportunità per abbracciare la consapevolezza del flusso vitale che permea ogni fibra del nostro essere e della realtà che ci circonda. Come custodi delle nostre energie, siamo chiamati a coltivare la virtù della moderazione e dell’autocontrollo, sperimentando la delicatezza di bilanciare le nostre attività fisiche, mentali ed emotive.
In questa danza cosmica, riconosciamo che la nostra energia è una preziosa risorsa che può essere investita con saggezza e discernimento. Attraverso la pratica della consapevolezza e della presenza, impariamo a osservare i flussi e riflussi della nostra vitalità, accogliendo con gratitudine i momenti di piena espressione e rispettando i periodi di riposo e rigenerazione.
La gestione della nostra energia è un’invocazione alla profondità del nostro essere interiore, un richiamo alla responsabilità e all’autenticità nel vivere ogni istante con consapevolezza e intenzione. È un viaggio di scoperta e di integrazione, in cui ci avventuriamo nelle profondità del nostro essere per abbracciare la pienezza della nostra esistenza e per fluire in sintonia con il ritmo eterno dell’universo.

I 7 chakra: quali sono, le caratteristiche, e qual è più importante?

I sette chakra sono ruote di energia che si trovano lungo la colonna vertebrale, ciascuno con caratteristiche e funzioni uniche. In una prospettiva filosofica, i chakra rappresentano i punti di connessione tra il corpo fisico, l’energia vitale e la coscienza universale. Ogni chakra si associa a specifiche qualità fisiche, emotive, mentali e spirituali, fungendo da ponte tra i piani materiali e sottili dell’esistenza.
Il primo chakra, il Muladhara, è situato alla base della colonna vertebrale ed è associato alla stabilità, alla sicurezza e al radicamento nella Terra. Il secondo chakra, il Svadhisthana, è posizionato nella regione sacrale e governa la creatività, le emozioni e la sessualità. Il terzo chakra, il Manipura, si trova nell’addome e rappresenta il potere personale, l’autostima e la forza interiore.
Il secondo chakra, Svadhisthana, è situato nella regione del bacino e rappresenta la creatività, l’emozione e il desiderio. È associato alla sfera emotiva e sessuale dell’individuo.
Il terzo chakra, Manipura, si trova nell’area dell’addome e governa il senso di potere personale, l’autostima e la capacità di realizzazione.
Il quarto chakra, l’Anahata, è localizzato nel centro del petto e incarna l’amore incondizionato, la compassione e l’equilibrio emotivo. Il quinto chakra, il Vishuddha, si trova nella gola ed è associato alla comunicazione autentica, all’espressione creativa e alla verità interiore.
Il quinto chakra, Vishuddha, è localizzato nella gola ed è legato alla comunicazione autentica, all’espressione creativa e alla verità interiore.
Il sesto chakra, l’Ajna, è situato tra le sopracciglia ed è conosciuto come il “terzo occhio”, simboleggiando l’intuizione, la percezione sottile e la visione interiore. Infine, il settimo chakra, il Sahasrara, si trova sulla sommità della testa ed è il centro della consapevolezza cosmica, della connessione spirituale e dell’illuminazione.
Il settimo chakra, Sahasrara, si trova sulla sommità della testa ed è conosciuto come il “chakra della corona”. Questo chakra simboleggia la connessione con il divino, la consapevolezza cosmica e l’illuminazione spirituale.
Non esiste un chakra più importante degli altri, poiché tutti sono interconnessi e contribuiscono al benessere olistico dell’individuo. Tuttavia, l’equilibrio e l’armonia tra i chakra sono essenziali per una vita equilibrata e per il pieno sviluppo del potenziale umano. La pratica della consapevolezza, della meditazione e della cura del sé può aiutare a bilanciare i chakra e a favorire la crescita spirituale e personale.
Ogni chakra ha le proprie caratteristiche distintive e contribuisce al benessere complessivo dell’individuo. L’equilibrio e l’armonia tra di essi sono fondamentali per il benessere fisico, emotivo, mentale e spirituale.

Un messaggio per i nostri lettori?

Il mio messaggio per tutti è quello di avvicinarsi al mondo spirituale perché rappresenta un viaggio alla ricerca della verità interiore e della connessione con l’universo. È un cammino che ci invita a esplorare il mistero dell’esistenza e a scoprire il significato più profondo della vita. Nella ricerca spirituale, troviamo rifugio dalla frenesia del mondo esterno e ci immergiamo nel silenzio interiore, dove possiamo contemplare la nostra esistenza e il nostro scopo. È un viaggio che ci permette di aprirci alla bellezza, alla compassione e alla saggezza universale, trasformando la nostra prospettiva e arricchendo il nostro essere con la consapevolezza dell’unità e dell’armonia che penetra l’intero cosmo.

Maria, ma per chi desidera approfondire questo bellissimo argomento ma soprattutto desidera semplicemente provare le tue tecniche, come ti può trovare e come potresti aiutarli?

Per chi cerca riequilibrio energetico e armonia deve sapere che il Reiki è una pratica millenaria che promuove il benessere fisico e mentale, ristabilendo l’energia vitale e la serenità interiore.
Oltre ai trattamenti Reiki, offro anche sessioni specializzate di pulizia energetica, che aiutano a liberarsi da tensioni e blocchi emotivi.
Possono affidarsi alle mie mani, per un totale rilassamento e rigenerazione, proprio per scoprire un nuovo senso di pace interiore. Per chi desidera iniziare il viaggio verso il benessere olistico, può contattarmi, direttamente al numero 3887256671 e prenotare una sessione di Reiki e pulizia energetica.

Per Maria, nell’infinita danza dell’esistenza, la fede si erge come faro luminoso, guidando non solo il suo ma anche il nostro cammino attraverso le nebbie dell’incertezza. È la forza invisibile che permea il suo essere, alimentando il suo agire e illuminando le sue e le nostre scelte. In ogni passo, nella gioia e nella sfida, è la fede che sostiene, e spinge questa anima buona a oltrepassare i confini della conoscenza e ad abbracciare l’ignoto con cuore aperto. Per lei, è un viaggio senza fine, una ricerca senza fine, in cui la fede diventa il filo conduttore che intreccia le trame della sua esistenza e ci aiuta a connetterci al mistero dell’universo.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Commenti recenti