17 Giugno 2024, lunedì
HomeConsulente di StradaQuali sono gli atti di ordinaria amministrazione figli?

Quali sono gli atti di ordinaria amministrazione figli?


L’amministrazione dei genitori sui beni dei figli scatta finché questi non diventano maggiorenni e acquistano la capacità d’agire.
Se invece i genitori sono separati o divorziati e il tribunale ha disposto l’affidamento esclusivo, la decisione spetta al genitore affidatario.
Bisogna sapere che i genitori non possono compiere, per conto dei figli, i cosiddetti atti personalissimi. Parliamo di: fare testamento, procedere al riconoscimento di un figlio nato fuori dal matrimonio, fare donazioni, contrarre matrimonio, ecc.
Gli atti di ordinaria amministrazione sono quelli che si limitano a conservare, fruttificare e migliorare il patrimonio del figlio.
Tra gli atti di straordinaria amministrazione sui beni dei figli, abbiamo:
la vendita;
la concessione di ipoteca o pegno;
l’accettazione o la rinuncia ad eredità o legati;
la donazione;
l’accettazione di donazioni;
lo scioglimento di comunioni;
la stipula di locazioni ultranovennali;
la riscossione di capitali (ad esempio, buoni fruttiferi intestati al minore o Tfr del genitore deceduto);
la richiesta di mutui;
l’avvio di cause o la transazione delle stesse.
I genitori possono compiere atti di straordinaria amministrazione per conto dei figli solo in queste condizioni:
deve sussistere il consenso di entrambi i genitori. In caso di disaccordo, ciascuno di questi può ricorrere al giudice affinché individui la soluzione più confacente agli interessi del minore;
deve sussistere una necessità o una evidente utilità per il figlio;
deve essere preventivamente richiesta e rilasciata l’autorizzazione del giudice tutelare. La nomina di un avvocato è facoltativa.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Commenti recenti