14 Aprile 2024, domenica
HomeConsulente di StradaCome impugnare il licenziamento per giusta causa?

Come impugnare il licenziamento per giusta causa?


Nel momento in cui si desidera impugnare il licenziamento per giusta causa bisogna innanzitutto tenere in considerazione due fattori:

  • che il datore rispetti le regole procedurali impostegli dallo Statuto dei lavoratori
  • in secondo luogo, bisogna agire entro termini perentori fissati dalla legge.
    I motivi da tenere in considerazione per una eventuale impugnazione sono:
  • licenziamento verbale: è nullo e non ha alcun valore. Al dipendente spetta la restituzione del posto
  • sanzione troppo grave: si tratta della contestazione più ricorrente, che consiste nel contestare la proporzione tra il fatto commesso dal dipendente e la sanzione adottata dal datore di lavoro.
  • lettera di licenziamento tardiva: anche questa, come la contestazione, deve essere comunicata tempestivamente;
  • lettera di contestazione tardiva: come detto, non deve passare troppo tempo dalla commissione dell’illecito.
    motivi insussistenti: il dipendente viene accusato di un comportamento che non ha mai commesso.
  • modifica dei motivi di licenziamento per come dedotti nella lettera di contestazione e poi invece fatti valere dinanzi al giudice in sede di opposizione al licenziamento.
    Il dipendente che vuole impugnare il licenziamento, deve:
  • entro 60 giorni dal ricevimento della lettera di licenziamento, inviare al datore di lavoro una lettera di contestazione. Non serve motivare le proprie ragioni, ma dichiarare di opporsi al licenziamento e di volerlo contestare. La lettera può essere inviata per raccomandata o Pec.
  • entro 180 giorni dall’invio della lettera di contestazione del licenziamento, il dipendente a mezzo del proprio avvocato, deve depositare in tribunale l’atto di ricorso per chiedere al giudice l’annullamento del licenziamento.
Sponsorizzato

Ultime Notizie

Commenti recenti