26 Settembre 2022, lunedì
Home Italia Cronaca È di un'attrice hard il corpo fatto a pezzi nel Bresciano

È di un’attrice hard il corpo fatto a pezzi nel Bresciano

Si chiama Carol Maltesi, 25 anni, in arte Charlotte Angie, attrice milanese nota nel mondo dell’hard, la donna uccisa, fatta pezzi e gettata in una scarpata a Paline di Borno (Brescia).

l cadavere della donna era stato trovato il 20 marzo in un dirupo nelle montagne di Borno, in Valcamonica.

I Carabinieri del Comando provinciale di Brescia e della Compagnia di Breno hanno eseguito, a carico di un uomo di 43 anni residente nel Milanese, amico e vicino di casa della vittima, un provvedimento di fermo per i reati di omicidio volontario aggravato, distruzione e occultamento di cadavere.

La totale assenza di elementi utili all’identificazione della vittima aveva spinto gli investigatori a pubblicare un comunicato nel quale si descrivevano alcuni tatuaggi ancora parzialmente visibili sul corpo della donna.

Il che consentiva ad alcune persone – anche residenti in altre regioni – di mettersi in contatto con i militari per comunicare loro che quei tatuaggi potevano appartenere a una donna molto conosciuta negli ambienti del cinema porno.

Identificata la donna, si accertava che la sua auto era transitata domenica 20 marzo, proprio in territorio di Borno, condotta da un uomo che a sua volta era risultato avere la disponibilità della auto stessa in quanto controllato a bordo in precedenti circostanze.

Lunedì l’uomo si è presentato ai carabinieri per fornire informazioni sulla donna, offrendo circostanze che subito si rivelavano contraddette dalle emergenze investigative fino a quel momento acquisite.

Il magistrato e i carabinieri, che nel frattempo avevano raccolto elementi che collocavano l’uomo in territorio di Borno la mattina di domenica 20, lo hanno sottoposto a una serie di contestazioni alla presenza del difensore.

E l’uomo ha confessato l’omicidio e l’occultamento del cadavere che sarebbe avvenuto a gennaio 2022, prima riponendolo in un congelatore nella casa della stessa vittima e poi, una volta fatto a pezzi, gettandolo nel dirupo di montagna. Il racconto ha chiarito molti particolari, ma su di essi, il lavoro della Procura di Brescia e dei Carabinieri continua “alla ricerca dei riscontri, nel rispetto della presunzione di non colpevolezza della persona sottoposta alle indagini”. 

Le finte chat con il giornalista

L’assassino di Carol rispondeva utilizzando il telefono della vittima a un giornalista di Bsnews.it che voleva accertarsi che non fosse lei la donna uccisa, fatta a pezzi e gettata in una scarpata a Paline di Borno.

“Ah ho capito mi hanno già detto diverse persone di quella ragazza. Io sto bene fortunatamente” rispondeva il presunto omicida in una conversazione su Whatsapp pubblicata integralmente dalla testata online locale a cui era arrivata la segnalazione sulla possibile identità della vittima in base ai tatuaggi trovati sul corpo durante l’autopsia e comunicati poi dagli inquirenti. Uno scambio che si interrompe quando il giornalista chiede: “Se non vuoi parlare al tel mi mandi un audio di 3 secondi? Solo per verificare che non sia qualcun’altra che risponde e chiudere il caso”. 

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Italia Under 21, contro il Giappone in amichevole arriva solo un pari

A cura di Luigi Rubino Finisce 1 a 1 la seconda amichevole dell’Under 21 disputata a Castel di Sangro contro il Giappone. Gara...

Incidente per portiera auto aperta: conseguenze

Prima di tutto, bisogna sapere che chi si mette alla guida di un veicolo deve prestare sempre la massima attenzione.La presunzione di...

Cosa valuta il perito per il mutuo?

Bisogna sapere che il perito del mutuo valuta anche il valore commerciale dell’immobile sotto altri aspetti: il luogo in cui è collocato,...

Quali sono i scontrini detraibili?

Se vi siete chiesti quali sono i scontrini detraibili, ebbene sono detraibili gli acquisti che presentano sullo scontrino le seguenti diciture:Farmaco oppure...

Commenti recenti