1 Dicembre 2021, mercoledì
Home Viaggi & Cucina Masseria Gabriele: stile e cortesia coniugati perfettamente

Masseria Gabriele: stile e cortesia coniugati perfettamente

A cura di Ionela Polinciuc

Una sosta, anche lunga, per chi ama la buona cucina; un comodo approdo per chi viaggia; un luogo inevitabile per chi è alla ricerca di bellezza e qualità. Piatti creativi e rassicuranti ricette della tradizione assicurati dallo chef e presentati da personale abituato all’accoglienza familiare e professionale; troverete nei piatti la sincerità dei loro sorrisi e dei loro racconti con l’impegno a comprendere i desideri dei clienti e accompagnarli verso nuove frontiere del gusto.

Stile e cortesia coniugati al fine di garantirci le condizioni ideali per apprezzare le meravigliose creazioni della cucina. Il Titolare Vincenzo esposito, ci ha accolto e assistito per tutta la cena, la responsabile di sala ci ha “sussurrato” la descrizione delle portate che si sono succedute con intervalli perfetti, nessuna inutile coreografia ma tanta “sostanza”.

Vincenzo, il vostro ristorante è diventato ormai tappa fissa ogni volta che mi trovo a Sant’Antonio Abate. Puoi spiegare ai nostri lettori quant’è facile raggiungere questo posto meraviglioso?

Si, certo! con immenso piacere. Allora, La Masseria Gabriele si trova sulla bellissima collina di Sant’Antonio Abate in via Palmentiello 6, circa 150 metri da via Stabia strada che collega Sant’Antonio abate ad Angri e Gragnano.

Ci racconti qualcosa di voi e della vostra e della sua esperienza nella ristorazione?

‘’Io e mio fratello Antonio abbiamo un’azienda agricola e abbiamo la grande passione della cucina. Ebbene, proprio per questo motivo, abbiamo pensato di aprire un ristorante che da 5 anni svolgiamo questo meraviglioso lavoro con tanta passione. Si chiama Masseria Gabriele perché porta il nome di nonno. Lui coltivava l’orto, una passione immensa per la natura, per il buono, per la bellezza’’.

Come descriveresti la vostra cucina e la filosofia dietro ad essa?

‘’ Dalla produzione della nostra azienda agricola usiamo le materie prime per deliziare i nostri clienti con una cucina classica un po’ rivisitata.

Quali sono le caratteristiche che secondo te, oggi un ristorante deve avere per soddisfare la clientela?

‘’Sicuramente ci sono tante caratteristiche che un ristorante che si rispetti deve avere per soddisfare la clientela. Personalmente, penso che la caratteristica principale e fondamentale sia senza ombra di dubbio la capacità di rendere unica l’esperienza. Sicuramente, non bisogna dimenticare che i clienti tornano se la cucina è buona, anche il servizio è molto importante. Bisogna essere molto attenti ad ogni cliente, leggere nella mente come si suol dire e cercare sempre di offrire un servizio di alti livelli’’.

Due piatti che non toglieresti mai dalla carta: uno perché i tuoi clienti non smetteranno mai di chiedere. L’altro perché ritieni ti rappresenti sino in fondo.

‘’ La nostra genovese e la carne che selezioniamo dai nostri migliori animali poi abbiamo una pizza fatta con un impasto particolare. In poche parole, la lievitazione è di almeno 48 ore e usiamo solo ed esclusivamente farine bio’’.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

In Grecia vaccino obbligatorio per gli over 60. Multe di 100 euro per chi non lo fa

Il primo ministro greco, Kyriakos Mitsotakis, ha annunciato che dal 16 gennaio vaccinarsi contro il Covid sarà obbligatorio per gli over 60, pena...

Draghi: “Pronti a intervenire di nuovo contro i rincari delle bollette”

 Il governo è pronto a intervenire di nuovo contro il caro bollette: lo ha detto il presidente del Consiglio, Mario Draghi, nel...

Perquisiti gli stalker no vax dell’infettivologo Bassetti

Dalle prime ore del mattino la Polizia sta eseguendo 9 perquisizioni nei confronti di altrettanti soggetti “no vax” sparsi su tutto il territorio nazionale,...

Come raggiungere la tranquillità finanziaria ?

Per TRANQUILLITÀ FINANZIARIA intendiamo il raggiungimento dei nostri obbiettivi finanziari e il pieno soddisfacimento di ogni nostra esigenza di natura finanziaria. Al fine di...

Commenti recenti