24 Luglio 2021, sabato
Home Italia Economia Quanto costerebbe allo Stato il pensionamento anticipato con 41 anni di contributi

Quanto costerebbe allo Stato il pensionamento anticipato con 41 anni di contributi

Per passare da Quota 100 alla cosiddetta Quota 41, ovvero la possibilità di uscita anticipata al raggiungimento del quarantunesimo anno di contribuzione e senza vincoli anagrafici, servirebbero 4,3 miliardi nel 2022 e fino a 9,2 miliardi a fine decennio. A stimare l’impatto della misura, che è una delle ipotesi in campo per introdurre una nuova forma di flessibilità in uscita, è la relazione annuale dell’Inps.

Illustrando al Parlamento il rapporto, il presidente Pasquale Tridico si è detto fiducioso “che, nel corso dell’anno, la sostenuta ripresa economica in atto riporti le entrate contributive” dell’Istituto “ai livelli del 2019, consentendo di superare in un solo anno gli effetti finanziari negativi della pandemia”.

La proposta di consentire il pensionamento anticipato con 41 anni di contribuzione, a prescindere dall’età, è considerata dall’istituto di previdenza “la più costosa” poiché “partendo da 4,3 miliardi di euro nel 2022 e arrivando a 9,2 miliardi a fine decennio” impegnerebbe lo 0,4% del prodotto interno lordo. Più di quanto costerebbero le ipotesi alternative: l’opzione al calcolo contributivo con 64 anni di età e 36 di contributi; e un’opzione di anticipo della sola quota contributiva della pensione a 63 anni, rimanendo ferma a 67 la quota retributiva.

La seconda proposta, secondo l’Inps, è “meno onerosa, costando inizialmente 1,2 miliari e toccando un picco di 4,7 miliardi nel 2027, e per questo più equa in termini intergenerazionali, con risparmi già poco prima del 2035 per effetto della minor quota di pensione dovuta all’anticipo, ma soprattutto per i risparmi generati dal calcolo contributivo”.

L’ultima proposta analizzata, ovvero quella di un anticipo pensionistico per la sola quota di pensione contributiva maturata al raggiungimeno dei 63 anni di età e con almeno 20 anni di versamenti e un importo minimo pari a 1,2 volte l’assegno sociale, è quella che per l’istituto “garantisce flessibilità per la componente contributiva dell’assegno pensionistico con costi molto più bassi per il sistema: l’impegno di spesa parte da meno di 500 milioni nel 2022 e raggiungerebbe il massimo costo nel 2029 con 2,4 miliardi di euro.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Green pass tra gioie e dolori: l’economia, forse, riparte

Con l'indice Rt che schizza a 1,26 l'approvazione del green pass è l'àncora di salvezza per numerose attività che hanno sofferto la...

Comunicato stampa: Premio Castello Sotto Le Stelle 2021

Aci Castello. Grande attesa per il Premio Castello Sotto Le Stelle 2021, in programma giovedì 22 luglio alle...

Tokyo: Buongiorno Italia; via alle gare, Malagò parla al Cio

A due giorni dalla cerimonia inaugurale, Tokyo 2020 è già partita con il prologo delle sue gare e a dare il via...

Letta tira dritto sul ddl Zan e il Pd fa muro contro gli attacchi di Renzi

Dalla giustizia al ddl Zan, Matteo Renzi ha ormai messo nel mirino il Partito Democratico e il suo segretario, Enrico Letta.

Commenti recenti