24 Luglio 2021, sabato
Home Italia Lo scontro divide M5s. Conte: 'Il mio progetto politico non resterà nel...

Lo scontro divide M5s. Conte: ‘Il mio progetto politico non resterà nel cassetto’

Riuniti in assemblea alla Camera e al Senato i parlamentari M5s sperano ancora nella possibilità di un’ultima mediazione per evitare la scissione. C’è la richiesta di poter vedere e votare lo Statuto che aveva proposto Conte, e ci sono i toni abbastanza concilianti – a detta di molti parlamentari

E dalle due assemblee traspare il rammarico per la replica dell’ex premier a Grillo che avrebbe ostacolato un possibile tentativo di dialogo. Ma deputati e senatori ci sperano ancora. “Per una volta chiediamo noi a Beppe e Giuseppe responsabilità.

E anche alla Camera la richiesta dei deputati è quella di non dividersi in “tifoserie”, elemento raccolto dal capogruppo Davide Crippa. Con un minimo comune denominatore tra le due assemblee: la richiesta di poter leggere, valutare e votare lo statuto di Conte. “Lo statuto non l’abbiamo neanche visto” hanno lamentato alcuni ma non c’è stato uno schieramento netto né da una parte, né dall’altra, anche se con alcuni distinguo. I deputati, commentano fonti parlamentati, hanno manifestato la mancanza di coinvolgimento rispetto ai recenti avvenimenti e un’obiettiva mancanza di elementi specifici sui motivi dello scontro

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Green pass tra gioie e dolori: l’economia, forse, riparte

Con l'indice Rt che schizza a 1,26 l'approvazione del green pass è l'àncora di salvezza per numerose attività che hanno sofferto la...

Comunicato stampa: Premio Castello Sotto Le Stelle 2021

Aci Castello. Grande attesa per il Premio Castello Sotto Le Stelle 2021, in programma giovedì 22 luglio alle...

Tokyo: Buongiorno Italia; via alle gare, Malagò parla al Cio

A due giorni dalla cerimonia inaugurale, Tokyo 2020 è già partita con il prologo delle sue gare e a dare il via...

Letta tira dritto sul ddl Zan e il Pd fa muro contro gli attacchi di Renzi

Dalla giustizia al ddl Zan, Matteo Renzi ha ormai messo nel mirino il Partito Democratico e il suo segretario, Enrico Letta.

Commenti recenti