17 Aprile 2021, sabato
Home Italia Economia Giovani e Futuro

Giovani e Futuro

A cura di Clara Ponticelli 

Nonostante le aspettative sull’Italia nel suo complesso non destino particolari ottimismi, i giovani imprenditori guardano con estrema positività al proprio futuro professionale. Ma l’eccesso di burocrazia, la crisi economica e le conseguenze sociali della pandemia non mancano di sollevare alcune preoccupazioni. Secondo un’inchiesta condotta dall’Osservatorio 4.Manager e che ha coinvolto 2.230 imprenditori, manager e professionisti under 30, il 71,9% si dichiara pessimista sulle sorti del Paese nel 2021, contro un 51,4% delle previsioni negative legate ai prossimi tre anni. Il 63,3% rileva tra le principali problematiche dell’equazione l’impreparazione della classe politica, il 61,6% la burocrazia e il 45,8% l’instabilità e la conflittualità politica (legata alla crisi di governo che ha caratterizzato i primi mesi dell’anno). Di conseguenza, il 55,1% ritiene che bisognerebbe investire sul fisco, il 45,8% sulla riduzione della burocrazia e lo snellimento delle procedure, il 37,4% sull’istruzione e la formazione, e il 19,4% sulla sostenibilità e l’economia circolare.Contrariamente alle attese sull’Italia, il 71,6% degli intervistati ha una visione abbastanza o molto positiva sul futuro delle proprie attività, una percentuale che sale al 79,1% se si considerano i prossimi tre anni. Nonostante si evidenzino difficoltà nell’investimento (33,4%), una bassa spinta all’innovazione (29%) e una scarsa digitalizzazione (27,3%), quasi la metà del campione punta a investire nel 2021, focalizzandosi proprio su formazione (41,3%), innovazione tecnologica (39,6%) e digitalizzazione (37,3%). E c’è chi si aspetta anche di incrementare il numero di assunzioni (40%), guardando con positività agli sgravi fiscali per l’assunzione di giovani e donne introdotti dalla legge di bilancio 2021.I giovani imprenditori, commercialisti, manager e professionisti in generale credono  fortemente nelle proprie  energie e nel sistema Italia. Ma è necessario investire su formazione, innovazione e digitalizzazione. Auspicano che questa strada sia condivisa anche da politici e cittadini. E se è vero che i giovani sono stati i primi a risentire della crisi economica dovuta alla pandemia, contiamo che siano anche i primi, e non gli ultimi, del Piano nazionale di ripresa e resilienza in fase di definizione”. “I risultati dell’indagine mostrano come molti giovani imprenditori abbiano ben chiari quali possano essere i fattori di successo per le proprie attività. Dobbiamo riuscire a liberare quest’energia”, parole di Enrico Giovannini, ministro delle Infrastrutture e delle mobilità sostenibili. “In Italia abbiamo investito poco negli ultimi 20 anni sul futuro del Paese in termini di istruzione ed educazione ma anche di supporto a chi, credendo nel futuro, faceva partire nuove imprese”, aggiunge. Con uno sguardo, non particolarmente positivo, sulle evidenze emerse sul fronte green. “Un dato che mi ha colpito un po’ sfavorevolmente è che circa il 20% dei rispondenti abbia indicato la sostenibilità come un fattore cruciale per il successo dell’impresa. Mi domando il perché di una quota ancora così bassa. Dati Istat mostrano come, a parità di altre condizioni, le aziende che optano per la sostenibilità abbiano fino al 15% di possibilità in più rispetto alla controparte. E sono anche più resilienti alla crisi”.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Europa League. Roma, è semifinale!

La Roma è in semifinale di Europa League. Dopo 180 minuti, tra andata e ritorno, i giallorossi (per la sesta volta nella...

Giudicate Voi, domenica 18 aprile in onda la tredicesima puntata

Domenica 18 aprile in onda una nuova puntata di “Giudicate Voi.” Giudicate voi è il talk show di approfondimento...

Giovannini: “50 miliardi per trasporti e infrastrutture, metà al Sud”

Il ministro dei Trasporti e delle mobilità sostenibili Enrico Giovannini sostiene: “nell'ambito del Piano nazionale di ripresa e resilienza ai trasporti e alle infrastrutture...

Varate le linee guida delle regioni per le riaperture

Le Regioni propongono le regole per far ripartire il Paese, anche nelle zone rosse. Le linee guide per la riapertura delle attività...

Commenti recenti