4 Marzo 2021, giovedì
Home Italia Cronaca Con il Covid diminuisce il numero di detenuti: stop alla reclusioni per...

Con il Covid diminuisce il numero di detenuti: stop alla reclusioni per reati minori

L’arrivo e il protrarsi della pandemia hanno fatto abbassare la curva degli ingressi nelle carceri campane, ma il numero di nuovi detenuti resta comunque molto alto. Secondo i dati diffusi dal Ministero della Giustizia, nel 2020 sono stati 3.680 gli ingressi dalla libertà (cioè i casi di persone entrate in cella per la prima volta) negli istituti di pena regionali. Così la Campania diventa la quarta area per ingressi in carcere dopo la Lombardia, che nel 2020 ne ha registrati 5.378, il Lazio che ne ha fatti segnare 3.964 e il Piemonte con 3.828.PUBBLICITÀ

Nel 2019 il bilancio di fine anno aveva fatto segnare numeri decisamente più alti: al 31 dicembre di quell’anno ben 5.113 persone avevano varcato per la prima volta la porta di una prigione campana. Anche il 2018 si era concluso con un numero molto alto di ingressi in cella: 5.195 i nuovi detenuti. Nello stesso anno anche la Lombardia raggiungeva cifre ragguardevoli: addirittura 7.528 le persone entrate in prigione.

Gli ultimi numeri rivelano, infatti, che nelle carceri campane ci sono circa 600 detenuti in più rispetto alla capienza regolamentare. Poggioreale ospita più di 2mila detenuti a fronte di un numero massimo di mille e 600. E, per il futuro, c’è il timore che il ritorno alla vita normale faccia aumentare i reati, anche alla luce della crisi che stritola la popolazione.

Più ingressi in carcere vorrebbe dire far scoppiare le celle, se si considera anche che le scarcerazioni procedono a singhiozzo. «I provvedimenti finora adottati per decongestionare le carceri non sono serviti a molto – spiega Riccardo Polidoro, responsabile dell’Osservatorio Carcere dell’Unione delle Camere Penali Italiane – Occorre un provvedimento che blocchi gli ingressi in carcere per i reati minori e non socialmente pericolosi. I tribunali sono in tilt, i giudici di sorveglianza riescono a fare poco o niente per concedere misure alternative ai detenuti anche perché manca lo strumento principale: una legge che consenta davvero di svuotare i penitenziari. Se a questo aggiungiamo la legge sulla nuova prescrizione, la situazione peggiora ulteriormente e non è ancora chiaro come si riusciranno a fare tutti questi processi in tempi ragionevoli».

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Donne, se amate la libertà, scegliete Sparta.

Non c’è dubbio che gran parte del nostro interesse per la storia antica sia stato catturato da una delle contrapposizioni più celebri...

La svolta verde del PIL

Negli ultimi anni abbiamo assistito a una crescita marcata della sensibilità verso le questioni ambientali. L’insieme delle problematiche, forse per la prima...

Serie A, il Milan pareggia all’ultimo respiro. La Roma riparte, il Napoli no.

Dopo la vittoria della Juve e in attesa del posticipo della 25° giornata che vedrà la capolista Inter di scena a Parma,...

La Rappresentante di Sanremo è la Pausini. Il resto è noia.

È un festival che premia Ermal Meta e boccia Aiello (ultimo dopo le prime due serate). Se ci fosse stato il pubblico sarebbe scattata un'insurrezione popolare....

Commenti recenti