24 Gennaio 2021, domenica
Home Italia Cronaca Epifania, cosa si può fare e cosa no

Epifania, cosa si può fare e cosa no

Epifania in zona rossa, con spostamenti solo per necessità, negozi e ristoranti chiusi. Si potrà uscire per fare una passeggiata vicino a casa con la mascherina e fare attività sportiva da soli, sarà necessaria l’autocertificazione per gli unici spostamenti consentiti, vale a dire quelli per comprovati motivi di lavoro, salute o necessità o per tornare alla propria residenza o domicilio. Dopo il 7 gennaio saranno in vigore le presscrizioni stabilite dal Dpcm del 3 dicembre, che scadrà il 15 gennaio. Almeno fino ad allora non si prevedono riaperture per palestre, piscine, cinema o impianti sciistici.

Sono vietati tutti gli spostamenti anche all’interno del proprio comune salvo per motivi di lavoro, necessità o urgenza e per far ritorno alla propria residenza, domicilio o abitazione. Chi dovrà uscire per motivi di necessità, andare a Messa, o per fare attività motoria dovrà sempre portare con sé l’autocertificazione. Sarà consentito anche raggiungere le seconde case, purché all’interno della propria Regione, ma sempre con l’autocertificazione.

Si può andare a trovare un parente una sola volta al giorno, solo all’interno della stessa Regione, dalle 5 alle 22 e nel limite massimo di due persone. La persona o le due persone che si spostano potranno comunque portare con sé i figli minori di 14 anni e le persone disabili o non autosufficienti con le quali convivono.

I genitori separati/affidatari possono spostarsi per andare in comuni/regioni diverse o all’estero per trascorrere le feste con i figli minorenni, questi spostamenti rientrano tra quelli motivati da “necessità”, pertanto non sono soggetti a limitazioni.

Si possono andare a trovare parenti non autosufficienti che vivono in casa da soli in un altro comune/regione anche tra comuni/regioni in aree diverse, ove non sia possibile assicurare loro la necessaria assistenza tramite altri soggetti presenti nello stesso comune/regione. Non è possibile, comunque, spostarsi in numero superiore alle persone strettamente necessarie a fornire l’assistenza necessaria: di norma la necessità di prestare assistenza non può giustificare lo spostamento di più di un parente adulto, eventualmente accompagnato dai minori o disabili, e che abitualmente già assiste la persona da cui sta andando.

Non è possibile andare a trovare i genitori, anziani ma in buona salute, in una regione diversa dalla propria. Inoltre gli spostamenti di un nucleo familiare convivente verso le seconde sono consentiti, dalle 5 alle 22, all’interno della propria Regione. È consentito lo spostamento verso la seconda casa, anche se intestata a più comproprietari, di un solo nucleo familiare convivente.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Le nomine Asl e le ombre sulla regione Lazio: indagato Zingaretti e l’assessore D’Amato

I magistrati romani iscrivono nel registro degli indagati per abuso d'ufficio il segretario nazionale del Pd Nicola Zingaretti. Con il leader dei...

TikTok,challange mortale per Antonella. “Le ho dato io la cintura”: la confessione shock

«Le ho dato io la cintura con cui si è uccisa». Così ha raccontato il padre della piccola Antonella, la bambina morta a Palermo a 10 anni...

Covid, Italia divisa in zone: cosa cambia da domenica 24 gennaio

Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha firmato tre nuove ordinanze che di fatto modificano i colori delle regioni e la mappa dell'Italia nell'emergenza Covid. La prima...

Giudicate Voi, si riparte con la quinta edizione e tante novità

Pandemia, un anno dopo: la prima puntata della quinta edizione di "Giudicate Voi", popolare talkshow che torna sul piccolo schermo in una...

Commenti recenti