5 Agosto 2021, giovedì
Home TV & Gossip 8 dicembre 1980, quarant'anni fa moriva John Lennon

8 dicembre 1980, quarant’anni fa moriva John Lennon

Quando quel maledetto 8 dicembre 1980 Mark David Chapman, il suo assassino, puntò contro di lui la sua calibro 38 per mettere fine alla sua vita John Lennon stringeva ancora in mano i nastri di «Walking On Thin Ice», una canzone scritta da Yoko Ono il cui testo – che parla dell’assoluta imprevedibilità della vita e della morte – suona quasi come un tragico presagio. In quel momento l’ex Beatle e sua moglie erano appena rientrati a casa dopo aver passato il pomeriggio negli studi Record Plant sulla 44ma strada, ultimo impegno di quel lunedì frenetico volato in fretta tra interviste e sessioni fotografiche.

Look inconfondibile, con o senza barba a seconda dei periodi storici, occhiali tondi, voce e chitarra impresse nella storia, John Lennon fu l’anima dei Beatles insieme a Paul McCartney, le due menti che tradussero il loro genio artistico nei testi e nella musica che rese famoso il quartetto britannico. I Beatles divennero un fenomeno mondiale, non solo artistico ma anche socio-culturale in grado di influenzare diverse epoche e vendere oltre 1 miliardo di copie fra album, singoli e musicassette. Eppure non tutti sanno che il mondo ha rischiato di non vedere mai i Beatles, proprio a causa del loro leader. Il motivo? John Lennon in realtà voleva fare il calciatore!

Sognava, da ragazzino, di giocare ad Anfield Road e tra noi era senza dubbio il più bravo con il pallone“, raccontò una volta Pete Best, il primo batterista dei Beatles. Ed in effetti nonostante il gruppo si fosse formato a Liverpool, John Lennon era l’unico a tifare per i ‘Reds’. Paul McCartney sosteneva la squadra dell’altra metà cittadina, l’Everton; Ringo Star era tifoso dell’Arsenal; a George Harrison invece interessavano le… macchine. Nella musica dei Beatles sono presenti diversi riferimenti, più o meno velati, al calcio e al Liverpool in particolare: nel video di ‘Help!’ i 4 indossano una sciarpa con i colori dei Reds, mentre sulla cover di ‘Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band’ è presente anche l’attaccante dei Reds Albert Stubbins, idolo di Lennon.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Bce: ripresa più forte, tornano investimenti in Ue

L'economia dell'area dell'euro, dopo il recupero nel secondo trimestre, grazie all'allentamento delle restrizioni e al ritmo sempre più forte delle vaccinazioni "procede...

Covid :Rush finale su green pass e scuola. Figliuolo scrive alle Regioni

Rush finale per le norme sul green pass e il piano scuola. Oggi sono in programma alle 11.30 la cabina di regia...

ll lavoratore può rifiutare il licenziamento?

Dal punto di vista sostanziale, il lavoratore non può rifiutare il licenziamento posto che si tratta di un atto unilaterale che il datore di...

Cina: il Covid ritorna a Wuhan, individuati 7 casi

Il Covid-19 ritorna a Wuhan dopo mesi di assenza: sette lavoratori migranti sono risultati positivi ai test e sono stati inviati agli...

Commenti recenti