Presidenziali in Bielorussia,notte di disordini per la riconferma di Lukashenko

Poco dopo la chiusura dei seggi, sulla Bielorussia manifestazioni e scontri si sono tenute in varie città del Paese. Nella capitale contro i manifestanti è stato usato di tutto: granate stordenti, idranti e proiettili di gomma. Almeno un dimostrante è morto investito da un mezzo della polizia. Centinaia i feriti. Tremila i fermi, secondo la polizia. Ma nonostante la repressione, i manifestanti non si sono dispersi e hanno cercato di costruire barricate.

Quel che è certo è che le più insolite presidenziali nella storia dell’ex Repubblica sovietica indipendente hanno riconfermato al potere per un sesto mandato Aleksandr Lukashenko, l’ex capo di una fattoria sovietica che ama farsi chiamare batka, padre, ma che gli Usa hanno battezzato “l’ultimo dittatore d’Europa”. Secondo la Commissione elettorale centrale, avrebbe ottenuto l’80,23% dei voti. All’unica candidata dell’opposizione ammessa, Svetlana Tikhanovskaja, sarebbe andato un risicato 9,9%.

Written By
More from Redazione

Covid19: esperti chiedono dall’OMS di rivedere le raccomandazioni di protezione

Ben 239 esperti di più di 25 Paesi hanno chiesto esplicitamente all’Oms,...
Read More