Genova, Austostrade spa estromessa dalla ricostruzione del ponte

Abbiamo completato l’opera del Ponte di Genova in tempi talmente rapidi che non abbiamo ultimato nemmeno la procedura di revoca, che terminerà nei prossimi giorni”. Così il premier Giuseppe Conte, alla cerimonia per la prima chiusura del Mose di Venezia.

Quello emerso ieri dall’incontro al ministero tra vertici di Aspi e Atlantia e capi di gabinetto di Mef e Mit era invece l’ennesimo ultimatum del governo ad Autostrade: entro il weekend una proposta che preveda riduzioni sui pedaggi (dal 3 al 5%) e più investimenti per le manutenzioni, oppure scatterà la revoca. Le parole del presidente del consiglio, invece, sembrerebbero non lasciare spazio a seconde possibilità.

Tutte le proposte pervenute finora da Aspi sono state bocciate dal governo perché ritenute non soddisfacenti per l’interesse pubblico. Alla società, da quanto risulta, sarebbe stato chiesto di elaborare un nuovo piano entro il fine settimana, termine ultimo per fermare la procedura di revoca. Si parla appunto di revisione delle tariffe, risorse compensative e sanzioni in caso di inadempimenti sulle manutenzioni.

Written By
More from Redazione

Movecoin,la prima app che paga per pedalare apre una campagna di Crowfounding con Backtowork24

Da oggi c’è un motivo in più per andare in bicicletta, spostarsi...
Read More