15 Maggio 2021, sabato
Home Italia Giuseppe Conte convoca nella giornata il ''Consiglio dei Ministri'': questione 'liquidità' sarà...

Giuseppe Conte convoca nella giornata il ”Consiglio dei Ministri”: questione ‘liquidità’ sarà il tema principale

E’ previsto stamattina il Consiglio dei Ministri per discutere sul decreto per la liquidità. La trattativa resta delicata e al centro del dibattito c’è la discussione sulla quota di garanzia statale da assicurare per i prestiti bancari alle imprese e soprattutto, il ruolo di Cassa Depositi Prestiti. In mattinata il premier Giuseppe Conte convoca il titolare del Mef Roberto Gualtieri e l’ad di Cdp Fabrizio Palermo.

Ma il Cdm è previsto per le 11:30 ma non è stato ancora ufficialmente convocato, infatti c’è un rischio dello slittamento di qualche ora..

Al Cdm verrà discusso anche il decreto scuola e il provvedimento per l’estensione del golden power. Nel dl liquidità sarà inserita una ulteriore sospensione delle scadenze fiscali. Ma è il tema delle garanzie ai prestiti alle aziende è all’ordine del giorno. Il confine tra la necessità di ”erogare denaro in modo veloce” e le ”opportune verifiche della solvibilità” di chi chiede il prestito è più che mai ‘veloce’ in quest’era del Covid19. “La garanzia statale sia al 100% per prestare a aziende e partite Iva somme pari al 25% del fatturato 2019”, ha dichiarato Matteo Renzi.

“La garanzia sarà al 90% per i prestiti fino a 5 mln di euro, potendo arrivare al 100% con la controgaranzia dei Confidi e con una valutazione che tiene conto solo della situazione pre-crisi Covid-19”, spiega Patuanelli.

Sui prestiti alle grandi aziende nel Mef si continua a spingere fino all’ultimo affinché lo Stato dia garanzie attraverso Sace, scorporando quest’ultima da Cdp e facendola acquisire direttamente dal Mef. Ma il M5S tiene il punto. “Così si snatura totalmente Cdp, e quindi il sistema”, sottolinea una fonte qualificata M5S.

Conte, dopo il dl liquidità, si concentrerà sulle riaperture e cresce anche l’ipotesi di una cabina di regia, che sarà attività sul decreto di aprile, che comprenda un numero ridotto (3, si fa come esempio) di governatori e sindaci, oltre ai rappresentanti delle parti sociali e del comitato scientifico.

Nel frattempo sia a Palazzo Chigi che al Mef si guarda alla direzione che prenderà l’Ue. La battaglia dell’Italia sugli eurobond sarà condotta fino alla fine.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Più di 70 mila imprese rischiano di chiudere, quasi 20 mila al Sud

Sono a forte rischio di espulsione dal mercato 73.200 imprese italiane tra 5 e 499 addetti, il 15% del totale, di cui quasi...

COMUNICATO STAMPA

PREMIO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE PER LA POESIA E LA NARRATIVA“MARIA DICORATO” L’Associazione Pro(getto) Scena Edition ETS nasce con l’obiettivo...

Draghi:”Bisogna investire sulle donne e sulla possibilità di avere figli”

"Un'Italia senza figli è un'Italia che non crede e non progetta. È un'Italia destinata lentamente a invecchiare e scomparire.

Commenti recenti