26 Maggio 2024, domenica
HomeConsulente di StradaApplicazione dei tributi locali sulla casa assegnata al coniuge,cosa fare?

Applicazione dei tributi locali sulla casa assegnata al coniuge,cosa fare?

Applicazione dei tributi locali sulla casa assegnata al coniuge,cosa fare?
Risponde il Prof.Giuseppe Catapano

consulentedistrada@gmail.comRisultati immagini per applicazione tributi casa

 

La casa coniugale assegnata al coniuge, ai fini Imu, rientra nel novero delle abitazioni assimilate per legge alla principale, intesa come l’immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, nel quale il possessore dimora abitualmente e risiede anagraficamente.
In particolare, l’art. 4, c. 12-quinquies D.L. 2.03.2012, n. 16 afferma, ai soli fini dell’applicazione dell’Imu, che “l’assegnazione della casa coniugale al coniuge, disposta a seguito di provvedimento di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio, si intende in ogni caso effettuata a titolo di diritto di abitazione”.
La previsione di legge, come sostenuto dalla C.M. 18.05.2012, n. 3/DF, ha introdotto una novità assoluta, dato che la disposizione riportata stabilisce un diritto di abitazione nei confronti del coniuge assegnatario della “casa” stessa, riconoscendo la soggettività passiva Imu in via esclusiva, a prescindere dalla titolarità della proprietà dell’immobile. In particolare, solo all’ex coniuge spettano le agevolazioni previste per l’abitazione principale e per le relative pertinenze classificate nelle categorie catastali C/2, C/6 e C/7, nella misura massima di un’unità pertinenziale per ciascuna delle categorie catastali indicate.
Inoltre, alla luce della risposta 22 del comunicato Mef 137/2014, tale previsione risulta estesa anche alla Tasi. In particolare il Ministero afferma che “lo stesso principio si applica anche alla Tasi. In tal caso, il coniuge è titolare del diritto di abitazione e, indipendentemente dalla quota di possesso dell’immobile, è il solo che paga la TASI con l’aliquota e la detrazione, eventualmente prevista, per l’abitazione principale”.
Pertanto il detentore, indipendentemente dalla quota di possesso dell’immobile, è il solo soggetto obbligato al versamento della Tasi con applicazione dell’aliquota e delle detrazioni eventualmente previste per l’abitazione principale.
Invece, nell’ipotesi di abitazione detenuta in locazione da entrambi i coniugi prima della separazione (annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio) e successivamente assegnata dal giudice a uno dei due, la Tasi deve essere calcolata dal proprietario con l’aliquota prevista dal singolo Comune per gli immobili diversi dall’abitazione principale e l’importo ottenuto deve essere ripartito tra il proprietario e il locatario.
Ne consegue che:
– l’immobile risulta soggetto all’Imu in capo al proprietario;
– il proprietario deve versare la Tasi per la quota deliberata dal Comune in cui l’immobile è ubicato. Si ricorda però che, nel caso in cui il Comune, nella delibera, non indichi la percentuale a carico del proprietario, quest’ultimo deve versare l’imposta nella misura minima del 90%.
In conclusione si evidenzia che le abitazioni assimilate per Legge alla principale, ai sensi del citato art. 13, c. 2 D.L. 6.12.2011, n. 201, sono inoltre:
– unità immobiliari delle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale dei soci assegnatari;
– alloggi sociali, come definiti dal D.M. 22.04.2008;
– un’unica unità immobiliare appartenente al personale delle Forze armate, delle Forze di polizia e del Corpo nazionale dei Vigili del fuoco e al personale appartenente alla carriera prefettizia.

Sponsorizzato

Ultime Notizie

Commenti recenti